Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Shoah: al Museo Ebraico Roma mostra ‘Primo Levi nei ritratti di Rivers’

colonna Sinistra
Mercoledì 8 maggio 2013 - 16:24

Shoah: al Museo Ebraico Roma mostra ‘Primo Levi nei ritratti di Rivers’

(ASCA) – Roma, 8 mag – Da giovedi’ 9 maggio fino al 15ottobre 2013 il Museo Ebraico di Roma ospita la mostra’Survivor. Primo Levi nei ritratti di Larry Rivers’. Per laprima volta sono esposte al pubblico tre storiche tele delpittore americano acquistate da Gianni Agnelli in memoriadello scrittore torinese e che dal 2002 sono in depositopresso la Pinacoteca Agnelli di Torino. La presidente dellaPinacoteca, Ginevra Elkann, ha concesso questo eccezionaleprestito per ricordare Levi nel decennale della mortedell’Avvocato e in occasione del Festival Internazionale diLetteratura e Cultura Ebraica.

Nel 1988, un anno dopo la tragica scomparsa di Primo Levi,Gianni Agnelli, che aveva studiato nello stesso liceotorinese dello scrittore, del quale era di due anni piu’giovane, acquisto’ da Larry Rivers tre suoi ritratti perricordarne la figura e al contempo lo sterminio del popoloebraico. Rivers, che gia’ negli anni precedenti avevaapprofondito le tematiche della Shoah, aveva realizzato tretele di grandi dimensioni, animando e teatralizzando iromanzi di Levi: Witness, Survivor e Periodic Table. I tredipinti, ancora di proprieta’ della famiglia Agnelli, come ciinforma Ginevra Elkann, ”vennero portati in Italia edesposti, per decisione dell’Avvocato, nella sede de LaStampa, giornale per il quale Primo Levi aveva scritto apartire dal 1959, e in forma piu’ continua dal 1968, saggiracconti ed elzeviri della Terza Pagina. Mio nonno – raccontaGinevra Elkann – decise di collocare i quadri di Rivers inuna grande sala che si trovava al piano terreno della sede deLa Stampa in Via Marenco 32. Dopo la collocazione dei quadri,la sala venne comunemente chiamata ”Sala Primo Levi’. Nonera aperta al pubblico, ma era usata per le riunioni piu’importanti e per accogliere i visitatori illustri per unprimo saluto o un brindisi di benvenuto”.

Nella realizzazione dei tre quadri, ora in prestito alMuseo Ebraico di Roma, Rivers ha miscelato la diverseidentita’ di Primo Levi: ebreo, chimico, partigiano,deportato, sopravvissuto allo sterminio e scrittore. dab/mau/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su