Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Napoli/inchiesta buche: sindaco su Fb, indagato? E io mi autodenuncio

colonna Sinistra
Venerdì 3 maggio 2013 - 19:18

Napoli/inchiesta buche: sindaco su Fb, indagato? E io mi autodenuncio

(Asca) – Napoli, 3 mag – All’invito a presentarsi in procuraper i danni causati dalle buche nelle vie cittadine ilsindaco di Napoli De Magistris reagisce con un post sufacebook in cui dichiara il suo stupore, la rabbia. Poiannuncia che intende autodenunciarsi. Ecco, testuale, ilpost:”Questa mattina, quando mi hanno notificatol’informazione di garanzia, con un contestuale invito arendere interrogatorio davanti al pm, la prima reazione e’stata quella della sorpresa: chiamare un sindaco comeindagato per le buche mi sembrava e mi sembra un fattoinverosimile. Ho letto l’atto ed, ovviamente, mi difendero’in sede giudiziaria, avendo piena fiducia nellamagistratura.

L’ho fatto anche in passato, nel corso della mia attivita’ dipm, durante la quale ho ricevuto 60-70 procedimenti di varianatura, per aver fatto solo il mio dovere, rispetto a cui misono sempre difeso e da cui sono sempre uscito vincitore”.

”Accanto alla difesa in sede giudiziaria che condurro’ -aggiunge De Magistris – voglio pero’ rispondere pubblicamentee da subito: e’ infatti un mio dovere primario parlare allacitta’ e ai cittadini. Accanto allo stupore, questa mattina,ho provato anche rabbia. Un sindaco senza risorse, a cuihanno consegnato un ente in dissesto finanziario, strozzatodai tagli statali e regionali, soffocato dal patto distabilita’ e dalla spending review, costretto ad aderire adun piano di predissesto per evitare il collasso e il cracfinanziario dell’ente e dell’intera economia cittadina, cosaavrebbe dovuto fare’? Questa amministrazione ha investitotutte le poche risorse disponibili nella manutenzione delmanto stradale e nel trasporto pubblico, sempre di piu’ lofaremo perche’ crediamo in questa missione che e’ ilgovernare, anche il governare in condizioni drammatiche,senza soldi e senza aiuti, ma con la sola forza delconvincimento e della passione, nell’interesse dei benicomuni e del pubblico”. Di qui l’intenzione di volersiautodenunciare: ”Tenendo conto del quadro finanziario in cuioperiamo, voglio pero’ chiarire che e’ mia intenzione, aquesto punto, autodenunciarmi: il problema delle bucheoggetto della indagine, infatti, domani potra’ riguardareanche il sistema fognario, le scuole e tutti i servizicittadini. Ecco, mi autodenuncero’ preventivamente, magarianche di un possibile futuro esproprio di una banca, a cui cicostringeranno per poter continuare ad amministraregarantendo ai cittadini i loro diritti. Forse miautodenuncero’ anche per l’aria che respiro poiche’, persopravvivere al duro lavoro, probabilmente ne ho respirata ineccesso”.

com-dqu/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su