Header Top
Logo
Martedì 25 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mps: Gip, manca carattere urgenza. No reati usura e truffa

colonna Sinistra
Sabato 27 aprile 2013 - 15:05

Mps: Gip, manca carattere urgenza. No reati usura e truffa

(ASCA) – Siena, 27 apr – Il Gip di Siena Ugo Bellini non haconvalidato il decreto di sequestro emesso dai Pm di Sienanei confronti di Banca Nomura, di Giuseppe Mussari, AntonioVigni e Gianluca Baldassarri perche’ non ci sarebbero stati irequisiti d’urgenza con i quali era stato preso ilprovvedimento, ma anche perche’ non ravvisa le ipotesi direato di usura aggravata e truffa aggravata. E’ quanto si apprende da fonti a conoscenza del provvedimentodel giudice. Secondo il Gip, il decreto non deve essere accolto inprimo luogo perche’ mancano i criteri di ”urgenza” con cuiera stato adottato, dato che il contratto di ristrutturazionedi Alexandria era stato stipulato nell’estate del 2009. Il giudice entra pero’ anche nel merito delle ipotesi direato di usura e truffa formulate dai Pm Antonino Nastasi,Aldo Natalini e Giuseppe Grosso. Per quanto riguarda l’usura, secondo il Gip non siconfigurerebbe perche’ al momento della stipula del contrattonon erano presenti condizioni di ‘approfittamento’ da partedi Nomura perche’ in quel momento Mps non era in crisifinanziaria.

A proposito della truffa invece, i Pm la ipotizzavanoperche’, secondo loro, Mussari, Vigni e Baldassarri avrebberonascosto il ‘mandate agreement’ stipulato con Nomura allastruttura dell’Istituto senese. Per il Gip, invece, se e’vero che la lettera di mandato era stata ”occultata” nellacassaforte di Vigni, strutture come l’area finanza e il riskmanagement avevano compreso la natura dell’operazione, tantoche c’era chi si era opposto. Cio’ nonostante l’accordo erastato stipulato dai vertici.

Contro il provvedimento del Gip adesso i Pm senesi potrebberofare ricorso al Tribunale del Riesame. afe/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su