Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: primo incontro per interventi su porto Piombino

colonna Sinistra
Sabato 27 aprile 2013 - 15:25

Costa Concordia: primo incontro per interventi su porto Piombino

(ASCA) – Firenze, 27 apr – Primo incontro oggi per gliinterventi infrastrutturali sul porto di Piombino, perpreparare la struttura per l’eventuale smantellamento dellaCosta Concordia. L’incontro e’ stato convocato dalpresidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che e’commissario straordinario per l’operazione. ”Abbiamo impostato una prima programmazione delle opere darealizzare e fatto una valutazione dei tempi – ha detto altermine dell’incontro il presidente -. Si tratta di lavoriprevisti dal vecchio piano regolatore del porto e dal nuovoche andremo ad approvare nel prossimo Consiglio regionale.

Sono 160 milioni di investimenti pubblici, dello Stato maanche della Regione e di altri soggetti, che serviranno arendere piu’ competitivo e attrattivo lo scalo piombinese,con i lavori di bonifica, il collegamento alla viabilita’ digrande comunicazione e altro ancora. Pronto quindi adiventare una infrastruttura fondamentale per il rilancioindustriale di tutta l’area, a cominciare dalla Lucchini”.

Per quanto riguarda la Costa Concordia, il presidente hadetto di auspicare che possa essere messa in grado muoversinel prossimo ottobre. ”Noi lavoriamo – ha sottolineato -perche’ Piombino sia pronto per accoglierla. Abbiamo chiestoe ottenuto un’accelerazione sui tempi del decreto ancheagendo sulla leva dell’emergenza Costa Concordia. Ma le opereche si realizzano rimarranno e serviranno al futuro dellacitta’ e della sua economia. E forse chi si e’ opposto e sioppone a lasciare la nave in Toscana, proprio questo volevaimpedire. In ogni caso – ha precisato Rossi – se anche lanave sara’ demolita altrove, dovra’ essere fatto dando tuttele garanzie dal punto di vista sociale e ambientale.

Impensabile che possa andare in giro per i mari per finiredove magari si fanno lavorare ragazzini e si buttano gliinquinanti in mare o sulle spiagge”.

afe/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su