Header Top
Logo
Mercoledì 1 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mps: i Pm accelerano sui derivati, disposto sequestro record da 1,8 mld

colonna Sinistra
Martedì 16 aprile 2013 - 19:50

Mps: i Pm accelerano sui derivati, disposto sequestro record da 1,8 mld

(ASCA) – Siena, 16 apr – Un maxi-sequestro da circa 1,8miliardi di euro disposto dai Pm di Siena segna una nuovaaccelerazione nell’inchiesta su Mps. Il sequestro e’ stato deciso d’urgenza, nell’ambito delfilone sul derivato ‘Alexandria’, dai Pm di Siena AldoNatalini, Antonino Nastasi e Giuseppe Grosso, che ne hannoaffidato l’esecuzione agli uomini del nucleo di Poliziavalutaria della Guardia di Finanza. I finanzieri sono andati a Siena, Roma, Milano, Bologna eCatanzaro. Nei confronti di Nomura (che non e’ indagata), afferma inuna nota la Procura, e’ stato emesso un decreto di sequestroper 1,8 miliardi di euro, di cui ”88 milioni di eurocostituiti da commissioni occulte percepite da Nomura e 1,7miliardi di euro depositati da Mps in favore di Nomura atitolo di garanzia sul finanziamento” ricevuto da RoccaSalimbeni. Per l’esecuzione dei decreti di sequestro pressola banca giapponese, i magistrati hanno chiesto l’ausilio deifunzionari della Banca d’Italia. L’esecuzione del sequestro,secondo quanto si apprende da fonti giudiziarie, e’ ancora incorso e segue procedure ”complesse”.

Il decreto di sequestro ha riguardato anche l’expresidente di Banca Mps Giuseppe Mussari (per 2,3 mln, pariagli emolumenti 2009-2012), l’ex direttore generale AntonioVigni (9,9 mln), l’ex capo dell’area finanza GianlucaBaldassarri (2,2 mln). I sequestri rientrano nel filone di inchiesta relativo aiderivati della banca e in particolare l’operazione diristrutturazione di Alexandria messa a punto nel luglio 2009dalla banca giapponese e dall’Istituto senese. Infatti sonostati anche sequestrati tutti i contratti in essere relativia questa operazione, che dunque risultano adesso’congelati’.

”Nessun asset di Nomura – replica la banca giapponese inuna nota – e’ stato sequestrato. Faremo tutti i passinecessari per proteggere la nostra posizione e contesteremovigorosamente qualsiasi illazione di illeciti su questafaccenda”.

Il sequestro e’ stato disposto ”a fini impeditivi e afini di confisca per equivalente” in relazione al reato diusura aggravata e di truffa aggravata commessa ai danni delMonte. Per questi reati sono indagati Mussari, Vigni eBaldassarri e i dirigenti di Nomura Sadeq Sayeed(responsabile per l’Europa e il Medio Oriente) e RaffaeleRicci. Tutti e cinque sono indagati in concorso anche per ireati di ostacolo aggravato all’esercizio delle funzionidelle pubbliche autorita’ di vigilanza, infedelta’patrimoniale aggravata e false comunicazioni socialiaggravate. I beni sequestrati, secondo quanto spiega una fontegiudiziaria, in caso di condanna definitiva, potrebberoandare in parte allo Stato ma anche a Mps, se questa sara’riconosciuta come parte civile.

Tornando da Roma, il Pm Natalini si e’ anche fermato peruna ‘visita’ a San Marino, uno dei Paesi per i quali imagistrati senesi avevano chiesto una rogatoriainternazionale. Alle 18.30 e’ rientrato in Procura.

afe/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su