Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: MinAmbiente si costituisce parte civile. Plauso WWF

colonna Sinistra
Martedì 16 aprile 2013 - 19:32

Costa Concordia: MinAmbiente si costituisce parte civile. Plauso WWF

(ASCA) – Roma, 16 apr – ”Dato il contesto ambientale enaturalistico caratterizzato dal Santuario dei Cetacei edalla prossimita’ di aree protette di interesse nazionale eregionale, come il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano eil Parco Regionale della Maremma, La costituzione delMinistero dell’Ambiente come parte civile nella vicendaprocessuale dell’incidente dell’Isola del Giglio e’certamente un atto dovuto e quindi va espresso un plauso peravervi tempestivamente provveduto”. Cosi’ il WWF Italiasulla decisione del Ministero dell’Ambiente di costituirsiparte civile nel processo sul caso della nave CostaConcordia.

”La presenza del Ministero nell’azione processuale -osserva l’associazione del panda – permette di tenere altal’attenzione sulla tema del danno ambientale, una cui stimaeffettiva potra’ essere definitivamente fatta solo dopo aversollevato la nave e quindi dopo averla portata in sicurezzanel luogo destinato allo smaltimento. La questione ambientalee’ riconosciuta dalla stessa compagnia Costa, che ha avviatoprogetti preliminari con importanti collaborazioniuniversitarie al fine di verificare la possibilita’ dellaricostituzione delle praterie di posidonia ed si e’ inoltredimostrata disponibile ad interventi compensativi. Unaquestione di questa delicatezza pero’ non puo’ essere risoltain termini volontaristici ma deve essere anche definita nellefasi processuali che, ci permettiamo di osservare, al momentol’hanno comprensibilmente poco considerata. La posizione delMinistero dell’Ambiente dunque rafforza quella del WWF chesin da subito ha sollevato il tema dell’incidenza ambientalediretta e potenziale del naufragio chiedendo anche una seriedi interventi preventivi che peraltro sono stati in parteadottati”. ”Il disastro Concordia deve servire da monito per tuttie, cosi’ come ha gia’ prodotto un Decreto Rotte innovativo,che aumenta il livello di sicurezza delle aree protette, deveora produrre un’azione processuale che metta il tema ambientenella scala di valori che gli e’ propria”, conclude il WWF.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su