Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: malattie veneree, e’ sempre emergenza. A rischio i giovanissimi

colonna Sinistra
Giovedì 11 aprile 2013 - 20:33

Salute: malattie veneree, e’ sempre emergenza. A rischio i giovanissimi

(ASCA) – Roma, 11 apr – Un tempo erano dette ”malattieveneree” (da Venere, la dea dell’amore) e con questo terminesi indicavano la sifilide e la gonorrea, quelle cioe’ piu’conosciute e tenute nascoste. Oggi, le Malattie SessualmenteTrasmesse (MTS) sono un’emergenza di cui si puo’ e si deveparlare: molti sanno che esistono, ma pochi le conosconodavvero e forse non tutti sanno che sono malattie infettivecausate da batteri, virus, funghi o parassiti che, in genere,si trasmettono per via sessuale e che si differenziano percontagiosita’, decorso della malattia e possibilita’ di curae prevenzione.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (OMS), dei340 milioni di nuovi casi di MTS che si registrano nel mondo,almeno 111 milioni interessano giovani sotto i 25 anni dieta’. Si stima, infatti, che ogni anno un adolescente su 20contragga una MTS e che l’eta’ di insorgenza tendeprogressivamente ad abbassarsi. Una delle categorie piu’ a rischio di contrarre le MTS e’quella dei giovani adolescenti che risultano essere i menoconsapevoli, a causa della scarsa informazione o dicondizioni socio-culturali scadenti.

Oltre la meta’ delle nuove infezioni di HIV, per esempio,interessano giovani nel gruppo di eta’ 15-24 anni.

Generalmente, le ragazze sono piu’ vulnerabili dei ragazziper ragioni fisiologiche, ma spesso anche sociali, essendo inalcuni casi costrette a relazioni sessuali fin da bambine. ”L’eta’ media in cui le ragazze scoprono il sesso -sostiene Susanna Esposito, Presidente SITIP (Societa’Italiana di Infettivologia Pediatrica) e Direttore della UOCPediatria 1 Clinica della Fondazione IRCCS Ca’ GrandaOspedale Maggiore Policlinico di Milano – si e’ notevolmenteabbassata (7% gia’ tra i 13-14 anni) ma non si riscontraancora un’adeguata consapevolezza che anche attraverso unsingolo rapporto si puo’ contrarre una malattia trasmessasessualmente. Ovviamente la probabilita’ di incontrarepersone infette sara’ tanto maggiore quanto piu’ elevato e’il numero dei partner. Risultano, pertanto, a maggiorerischio le persone sessualmente attive, che hanno rapporticon partner diversi, soprattutto se occasionali”. ”Tra le Malattie Sessualmente Trasmissibili – sottolineaSusanna Esposito – la piu’ temibile e’ certamente l’infezioneda HIV, il virus responsabile dell’AIDS. Molto comuni sonoanche la Candida e il Trichomonas responsabili di infezionidell’ultimo tratto delle vie genitali (vulviti, vaginitinella donna; balaniti, uretriti nell’uomo) e che il piu’delle volte guariscono con una terapia mirata (creme, ovuli ofarmaci specifici). Altre infezioni, invece, come ad esempio,le infezioni da Chlamydia e la Gonorrea, se non diagnosticatetempestivamente e non curate in modo adeguato, possonointeressare anche gli organi genitali interni: utero, ovaie,tube nelle donne; testicoli e prostata nell’uomo. Nella donnala malattia infiammatoria pelvica (PID) rappresental’evenienza piu’ grave e ne possono conseguire infertilita’,aumentato rischio di gravidanze tubariche e dolore pelvicocronico. Altri virus come l’herpes genitale o il papillomavirus hanno la tendenza a rimanere all’interno dell’organismoe vengono ritenuti responsabili dell’insorgenza di formepre-tumorali del collo dell’utero”. Dunque, avverte la specialista, ”fondamentale e’ laprevenzione, che si attua attraverso il rispetto di normeigieniche e comportamentali”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su