Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Clima impazzito, si allunga per bimbi la stagione delle allergie

colonna Sinistra
Giovedì 11 aprile 2013 - 19:05

Salute: Clima impazzito, si allunga per bimbi la stagione delle allergie

(ASCA) – Roma, 11 apr – I cambiamenti climatici, contemperature al di sopra delle medie stagionali nei mesiinvernali, hanno modificato il ciclo di vita delle variepiante allungandone il periodo di fioritura e diimpollinazione. E, di conseguenza, hanno influenzato ilperiodo di comparsa dei sintomi da allergia.

Anche di questo si parla in occasione del 15* CongressoNazionale della Societa’ Italiana di Allergologia eimmunologia Pediatrica (SIAIP) che apertosi oggi a Napoli. See’ vero che la stagione dei pollini inizia di solito agennaio-febbraio (con il polline aero-disperso di cipresso) esi conclude a settembre-ottobre (con i pollini aero-dispersidi ambrosia e artemisia), la massima concentrazione dei varitipi di polline nell’aria si registra solitamente tra aprilee giugno. ”Starnuti a ‘salve’ (da 3-4 a piu’ starnutiripetuti, uno dietro l’altro), rinorrea sierosa (”naso checola” come dicono i pazienti), ostruzione nasale conrespirazione orale, prurito nasale ed oculare, lacrimazione,”occhi rossi’ e respiro rumoroso oppure affannoso, sibilanteassociato a tosse per lo piu’ secca insistente, condizionanola qualita’ di vita di chi e’ allergico ai ”pollini”’spiega Roberto Bernardini, Presidente della Societa’ Italianadi Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) e direttoredella UOC Pediatria presso l’Ospedale San Giuseppe diEmpoli.

Pertanto ad essere interessati sono soprattutto il naso, levie aeree che entrano in contatto con i diversi tipi dipolline prodotti e immessi nell’aria dalle piante. ”Questoevento – spiega l’esperto – di norma non ha conseguenze,mentre le ha in oltre il 20% dei bambini delle scuoleelementari e in oltre il 30% degli adolescenti italiani inquanto determina, in questi soggetti, comparsa dei sintomisopra specificati e quindi di congiuntivite, rinite(comunemente chiamato ‘raffreddore da fieno’), asma. Ipollini che causano allergie nei bambini sono principalmentequelli di graminacee, parietaria, olivo, cipresso, ambrosia,artemisia, betulla, nocciolo che, a seconda delle zone in cuisi vive, possono presentare una maggiore o minoreconcentrazione e durata di presenza nell’aria”. Alcunibambini possono essere allergici a piu’ tipi di pollini,prodotti in vari periodi dell’anno, e quindi soffrire diallergia costantemente per quasi tutto l’anno. E’ dunqueimportante una corretta diagnosi che oggi e’ ancora piu’facilitata grazie alla possibilita’ di identificare lesingole molecole presenti nei pollini, individuando in talmodo a quale polline il bambino e’ allergico attuando cosi’un trattamento specifico e mirato. Oltre ad antistaminici, cortisonici, antileucotrienici edecogestionanti nasali (da utilizzare solo su prescrizione esotto controllo medico), lo specialista puo’ prescrivereanche una immunoterapia specifica (il cosiddetto ”vaccinoper l’allergia’)”. Ci sono poi alcune semplici regole cheaiutano a convivere meglio con l’allergia ai pollini. Nelperiodo primaverile-estivo bisognerebbe innanzitutto evitaredi uscire nelle ore centrali, e piu’ calde, della giornata,durante le quali la concentrazione nell’aria dei pollini e’molto elevata. Attenzione anche al vento, che trascina ipollini e alla pioggia che frantuma il polline in una miriadedi particelle che mantengono intatto il loro potereallergizzante. Anche dentro casa e’ opportuno avere alcunecautele. Per evitare che i pollini entrino, attraverso lefinestre, nelle stanze in cui viviamo, occorrerebbe tenerlechiuse il piu’ possibile e aprirle, per il ricambio d’aria,al mattino presto o alla sera tardi in quanto in questimomenti della giornata la concentrazione pollinica e’ piu’bassa. Durante le ore piu’ calde si possono utilizzare icondizionatori con appositi filtri in grado di trattenere eimpedire l’ingresso dei pollini.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su