Header Top
Logo
Lunedì 24 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Alimentare: Cia, bene maxi sequestro falsi prodotti Bio

colonna Sinistra
Giovedì 11 aprile 2013 - 13:36

Alimentare: Cia, bene maxi sequestro falsi prodotti Bio

(ASCA) – Roma, 11 apr – La Confederazione italianaagricoltori 8Cia), plaude all’operazione ‘Green war’ dellaGuardia di finanza di Pesaro che ha portato al sequestro di1.500 tonnellate di soia, mais e grano tenero ucrainofalsamente certificati come ‘bio’ ma ad alto contenuto di Ogme di 30 tonnellate di soia provenienti dall’India econtaminate con pesticidi..

”A dispetto della crisi il biologico continua a crescerecostantemente in termini di consumi e fatturato. Ma proprioper questo suo ‘appeal’, il segmento diventa sempre piu’spesso bersaglio di frodi e sofisticazioni alimentari. Eccoperche’ operazioni come quella della Guardia di finanza diPesaro e dall’Ispettorato Repressione Frodi del ministerodelle Politiche agricole sono molto importanti”, scrive Ciain una nota.

” Ora piu’ che mai – prosegue – e’ necessario mantenerealta l’attenzione sul settore, intensificando i controllisoprattutto sui prodotti importati da Paesi terzi non inequivalenza”.

Cia sottolinea come ”nel nostro Paese la spesa per il’bio’ e’ aumentata nel 2012 del 7,3%, mettendo a segno ilsettimo aumento tendenziale consecutivo e oggi il 75% degliitaliani dichiara di acquistare prodotti biologici almeno unavolta al mese. Alimentando cosi’ un business che in Italiavale circa 3 miliardi di euro, ma che a livello mondiale haraggiunto la quota di 55 miliardi di dollari l’anno”. Proprio per questo, pero’ ”il settore del biologico hainiziato a fare gola alle mafie e ai professionisti dellatruffa agroalimentare, pronti a falsificare carte ecertificati pur di accaparrarsene una fetta”, osserva Cia. ”Oggi – sottolinea – bisogna lavorare sulle regole eprevedere politiche ‘ad hoc’ che controllino i mercati. E’indispensabile aumentare le ispezioni, inasprire sanzioni epene ma soprattutto lavorare sulla trasparenza in tutti ipassaggi della filiera, soprattutto nei Paesi dove i metodiproduttivi e di controllo non sono ritenuti equivalenti ainostri”, conclude Cia.

com-stt/res/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su