Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Papa: nostro mondo non riesce piu’ a sollevare sguardo verso l’alto

colonna Sinistra
Mercoledì 10 aprile 2013 - 11:12

Papa: nostro mondo non riesce piu’ a sollevare sguardo verso l’alto

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 10 apr – I cristiani di oggihanno un ”un servizio prezioso da dare a questo nostromondo, che spesso non riesce piu’ a sollevare lo sguardoverso l’alto, verso Dio”, ed e’ quello dell’annunciodell’amore di Dio verso l’uomo. E’ quanto ha detto papaFrancesco concludendo la sua catechesi del mercoledi’ in unaaffollatissima piazza San Pietro.

Commentando le parole della prima lettera di San Pietro ilpapa ha voluto aiutare i fedeli a riflettere sul verosignificato della Risurrezione di Crito ”per la nostravita” e perche’ ”senza di essa e’ vana la nostra fede”.

Proprio con la Resurrezione, ”qualcosa di assolutamentenuovo”, si realizza a pieno la ”relazione filiale con Dio”che, ha sottolineato il papa ”non e’ come un tesoro checonserviamo in un angolo della nostra vita, ma deve crescere,dev’essere alimentata ogni giorno con l’ascolto della Paroladi Dio, la preghiera, la partecipazione ai Sacramenti,specialmente della Penitenza e dell’Eucaristia, e lacarita”’. Da qui l’invito a riappropriarsi della ”dignita’di figli” da parte dei cristiani.

Ma il papa ha chiesto anche di ”avere il coraggio dellafede e – ha detto – per non lasciarci condurre dallamentalita’ che ci dice: ‘Dio non serve, non e’ importante perte’. E’ proprio il contrario: solo comportandoci da figli diDio, senza scoraggiarci per le nostre cadute, sentendociamati da Lui, la nostra vita sara’ nuova, animata dallaserenita’ e dalla gioia. Dio – ha poi detto – e’ la nostraforza! Dio e’ la nostra speranza!”.

”Quante volte nella nostra vita le speranze svaniscono,quante volte le attese che portiamo nel cuore non sirealizzano!”, ha fatto notare papa Bergoglio aggiungendo,pero’ che ”la speranza di noi cristiani e’ forte, sicura,solida in questa terra, dove Dio ci ha chiamati a camminare,ed e’ aperta all’eternita’, perche’ fondata su Dio, che e’sempre fedele”. ”Essere risorti con Cristo mediante il Battesimo, con ildono della fede, per un’eredita’ che non si corrompe, ciporti a cercare maggiormente le cose di Dio, a pensare dipiu’ a Lui, a pregarlo di piu’. – ha concluso il papa -Essere cristiani non si riduce a seguire dei comandi, ma vuoldire essere in Cristo, pensare come Lui, agire come Lui,amare come Lui; e’ lasciare che Lui prenda possesso dellanostra vita e la cambi, la trasformi, la liberi dalle tenebredel male e del peccato”.

gc/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su