Header Top
Logo
Giovedì 27 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: card. Ravasi, fede e religione incontro a dramma sofferenza

colonna Sinistra
Martedì 9 aprile 2013 - 14:53

Salute: card. Ravasi, fede e religione incontro a dramma sofferenza

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 9 apr – ”Vorremmo venireincontro al dramma della sofferenza in alcuni ambitidelicatissimi, pensiamo solo al settore dell’Alzheimer” eraccogliere ”il grido che viene lanciato da molte famigliedi fronte a questi orizzonti che sono cosi’ terrificanti dalpunto di vista umano”. Lo ha detto il presidente delPontificio Consiglio della Cultura, card. Gianfranco Ravasidurante la presentazione della Conferenza Internazionale’Medicina rigenerativa: cambiamento fondamentale nellascienza e nella cultura’, che si svolgera’ in Vaticano,nell’Aula nuova del Sinodo, dall’11 al 13 aprile 2013.

”Il nostro interessarci – ha aggiunti il card. Ravasi -e’ per dimostrare che la fede e la religione non intervengonosoltanto quando ci sono questioni bioetiche come la questionedelle cellule staminali embrionali. Non intervengono, dunque,solo negativamente ma affermano anche la propriapartecipazione ad uno sviluppo positivo”.

Alla conferenza stampa in Vaticano hanno preso parte anchela dott.ssa Robin Smith, Amministratore Delegato dellaNeoStem e Presidente della Stem for Life Foundation e mons.

Tomasz Trafny, Dipartimento scientifico del PontificioConsiglio della Cultura.

”Volevamo capire – ha spiegato mons. Trafny – qualiconseguenze potessero avere sulla societa’ e sulla cultura lericerche nel campo della medicina rigenerativa in generale, esulle cellule staminali adulte in particolare. Il percorsoiniziale era logico, per certi versi, modesto, solo treparole: capire, conoscere, studiare. Ci era parso moltochiaro che non si puo’ capire l’impatto e le dinamicheculturali della ricerca senza averla prima conosciuta; e nonsi puo’ conoscerla senza averla studiata”.

”Abbiamo, quindi, intrapreso un viaggio di studio, diconoscenza e di riflessione, di comprensione – ha proseguitomons. Trafny – in cui ci hanno aiutato numerosi scienziati acui va la nostra riconoscenza. Questa prospettiva di studio edi riflessione costante resta sempre valida, perche’ laricerca progredisce e noi non vogliamo inseguirla mapiuttosto accompagnarla”.

dab/sam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su