Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • L’Aquila: in archivio giornate del ricordo, da domani riprende la lotta

colonna Sinistra
Sabato 6 aprile 2013 - 15:35

L’Aquila: in archivio giornate del ricordo, da domani riprende la lotta

(ASCA) – L’Aquila, 6 apr – Tutta L’Aquila si e’ mobilitata,ieri ed oggi, per non dimenticare la tragedia del terremoto.

Le istituzioni, il mondo delle arti e della cultura,l’associazionismo, le singole comunita’ religiose. Tuttehanno contribuito ad arricchire il pregno e variegato”cartellone” (termine forse troppo ludico per l’occasione,bandito dalla senatrice Pezzopane), commemorativo del quartoanniversario. Tra fiaccolate della memoria, concerti,spettacoli teatrali, mostre, celebrazioni liturgiche disuffragio nella citta’ capoluogo e nelle periferie, L’Aquila,nel giorno del lutto, ha ricordato le sue 309 vittime. Quest’anno confortata da una presenza di grande carisma,in rappresentanza di quello Stato che, lamentano gliaquilani, non da’ risorse, strumenti, spinte per ricostruire:il presidente del Senato, Pietro Grasso. La seconda caricaistituzionale ha visitato il centro storico con le ferite delterremoto ancora tutte aperte; ha sostato in silenzio davantialla Casa dello studente (8 giovani vite spezzate); haassicurato che la ripresa, ora con l’amministrazioneordinaria, non solo e’ possibile ma doverosa e che e’ unaquestione imprescindibile per il Paese. ”Vi siamo vicini” ha detto Grasso, stringendo le spalledella zia di Davide, universitario volato in cielo. E forsequeste semplici parole sono bastate a ridare il sorriso aduna popolazione delusa, sconfortata, irritata, alla derivafisica e morale. O forse no. Per lui, comunque, solo unideale, affettuoso abbraccio, da parte della citta’. Che loha accolto poi al Forte spagnolo, dove Grasso ha parlato delvalore della legalita’, irrinunciabile per tutto il Paese,che deve essere ricostruito ad ogni costo, proprio partendodall’Aquila, in prima linea, da quattro anni, nella duralotta contro le infiltrazioni malavitose. Parole importanti,di solidarieta’ e di fiducia, sono giunte al prefetto dellacitta’, Francesco Alecci, anche dalla presidente della Cameradei Deputati, Laura Boldrini, che in una lettera haassicurato l’impegno del Parlamento per L’Aquila, non solo intermini finanziari. La Boldrini ha ”bacchettato” lalentezza delle istituzioni ed ha lanciato un monito per unagestione oculata, amica, responsabile del territorio,dell’ambiente.

Giornate di tregua, quelle del ricordo. Ma il sindaco Massimo Cialente sta gia’ programmando unaprossima mobilitazione cittadina, per avere quelle risorse equell’attenzione necessarie per sopravvivere. Il Primocittadino, alla vigilia della commemorazione, aveva lanciatouna provocazione: ”soldi o via le bandiere tricolori e viail prefetto, ci lascino morire in pace, non abbiano piu’neanche la speranza”.

Oggi il prefetto Alecci ha risposto a Cialente: ”Non cipossono essere parti del territorio nazionale in cui sieliminano la bandiera o il rappresentante del Governo.

Abbiamo fatto sapere, ma lo sapevano gia’, a chi e’componente dell’Esecutivo, che il territorio invocafortemente questa specifica attenzione.

Poiche’ il Governo l’ha data, bisogna evidentemente spiegarlomeglio e convincere chi rappresenta la comunita’, per esempioil Sindaco, che quello che e’ stato fatto e’ quello che sidoveva fare”. Eppure, le neo senatrici Stefania Pezzopane(Pd) ed Enza Blundo (Movimento 5 Stelle) hanno invocatoancora, e con forza, interesse concreto e tangibile. La vocedella Pezzopane, in particolare, si e’ unita a quella delsindaco Cialente. Domani si spegneranno di nuovo le luci ericomincera’ la lotta. Anche per quelle 3.500 persone chesolo nell’anno passato si sono arrese e sono andate viadall’Aquila. Con molto dolore nel cuore ma con qualcheprospettiva di vita e benessere in piu’. iso/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su