Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • L’Aquila: Save the Children, a 4 anni sisma scuole italiane insicure

colonna Sinistra
Venerdì 5 aprile 2013 - 13:44

L’Aquila: Save the Children, a 4 anni sisma scuole italiane insicure

(ASCA) – Roma, 5 apr – Quattro anni dopo il terremoto de L’Aquila in Italia sono ben 26mila gli edifici scolastici che non sono stati costruiti secondo la normativa antisismica, mentre solo 3.700 rispondono a questi criteri di sicurezza e sul 36% del totale degli edifici non si dispone di informazioni. Lo denuncia Save the Children che chiede l’adozione di un piano strategico per la messa in sicurezza delle scuole. ”Quattro anni dopo il terremoto le L’Aquila, che ha danneggiato numerose scuole e distrutto la Casa dello studente del capoluogo abruzzese – dichiara Raffaela Milano, direttore programmi Italia Europa di Save the Children – e’ impressionante il disinteresse e il disimpegno verso la grave condizione di insicurezza degli edifici scolastici in un paese a forte rischio sismico come l’Italia”. Save the Children ha chiesto al nuovo parlamento l’approvazione di un piano strategico per la messa in sicurezza delle scuole: per programmare in maniera uniforme sul territorio gli interventi di manutenzione ordinari e straordinari, e verificare in modo sistematico la certificazione delle norme di sicurezza (agibilita’, vulnerabilita’ sismica, prevenzione degli incendi) nonche’ la presenza di amianto e radon. Save the Children, che e’ stata a fianco dei bambini e degli adolescenti colpiti dal terremoto dell’Abruzzo e, piu’ di recente, in Emilia, allestendo nelle tendopoli ‘spazi a misura di bambino’ e sostenendo i bambini e i genitori per affrontare gli effetti del sisma nella vita quotidiana, lancia un appello ‘affinche’ si impegnino subito i fondi destinati all’edilizia scolastica per gli interventi di ristrutturazione ed edificazione, per scongiurare il ripetersi di nuovi drammi’. ”Il varo di un piano organico di messa in sicurezza delle scuole in Italia – conclude Raffaela Milano – sarebbe un buon modo per onorare con un impegno concreto la memoria dei tanti bambini e adolescenti vittime del terremoto de l’Aquila”. com-stt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su