Header Top
Logo
Lunedì 16 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sede vacante: chi e’ il cardinale Gianfranco Ravasi (Italia)

colonna Sinistra
Lunedì 11 marzo 2013 - 11:34

Sede vacante: chi e’ il cardinale Gianfranco Ravasi (Italia)

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 11 mar – Il CardinaleGianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio dellaCultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra,e’ nato a Merate (provincia di Lecco e arcidiocesi di Milano,Italia) il 18 ottobre 1942 ed e’ originario di Osnago(Lecco). Creato e pubblicato Cardinale da Benedetto XVI nelConcistoro del 20 novembre 2010, della Diaconia di SanGiorgio in Velabro.

E’ stato ordinato sacerdote dell’arcidiocesi di Milano dalcardinale Giovanni Colombo il 28 giugno 1966. Dopo averperfezionato gli studi biblici a Roma, alla PontificiaUniversita’ Gregoriana e al Pontificio Istituto Biblico, hainsegnato esegesi dell’Antico Testamento nella Facolta’teologica dell’Italia Settentrionale e nei seminari della suadiocesi. Nel 1989 e’ stato nominato prefetto della venerandaBiblioteca-Pinacoteca Ambrosiana, la prestigiosa istituzioneculturale milanese fondata nel 1607 dal cardinale FedericoBorromeo.

Il 3 settembre 2007 Benedetto XVI lo ha nominatoarcivescovo titolare di Villamagna di Proconsolare econtemporaneamente Presidente del dicastero della Cultura edelle Commissioni per i Beni Culturali della Chiesa e diArchelogia Sacra, invitandolo a porre la sua esperienza e lesue specifiche e riconosciute competenze al servizio delsuccessore di Pietro e della Chiesa universale. Il 29settembre dello stesso anno, nella basilica Vaticana, gli haconferito l’ordinazione episcopale.

La sua vasta produzione letteraria ammonta a circacentocinquanta volumi, riguardanti soprattutto argomentibiblici e scientifici, opere particolarmente amate dailettori per la capacita’ di interpretazione dei testi sacri,per la chiarezza e la finezza letteraria e poetica. Traqueste, le edizioni curate e commentate dei Salmi, del Librodi Giobbe, del Cantico dei Cantici e di Qohelet. Di recenteha curato la nuova edizione in piu’ volumi della Bibbia di”Famiglia Cristiana”. Ancor piu’ noti al grande pubblicosono i libri Breve storia dell’anima (2003), Ritorno allevirtu’ (2005), Le porte del peccato (2007), Le parole e igiorni. Nuovo breviario laico (2008), 500 curiosita’ dellafede (2009), Questioni di fede (2010).

Collabora regolarmente con testate giornalistiche eradiotelevisive: da molti anni conduce, su una retenazionale, la rubrica domenicale Frontiere dello Spirito,scrive su ”L’Osservatore Romano” e su altri quotidiani, eper quindici anni ha tenuto su ”Avvenire” la rubrica IlMattutino.

Nel 2007 l’universita’ di Urbino gli ha conferito lalaurea honoris causa specialistica in antropologia edepistemologia delle religioni. Nel 2010 e’ stato annoveratotra i soci onorari dell’Accademia di belle arti di Brera einsignito del diploma honoris causa di secondo livello incomunicazione e didattica dell’arte.

Assumendo la presidenza dei tre organismi curiali(divenuti due nel novembre 2012, quando la Commissioni per iBeni Culturali della Chiesa e’ stata assorbita dal PontificioConsiglio della Cultura), ha impresso una significativasvolta al dicastero creato da Giovanni Paolo II per ildialogo con le culture e il mondo della non credenza, e alledue commissioni che si occupano di beni culturali ecclesialie dell’archeologia sacra. Nel Pontificio Consiglio dellaCultura, in particolare, ha dato priorita’ ad alcuni settoritematici, organizzando strategicamente il lavoro in”dipartimenti” che si occupano del rapporto tra scienza efede (il cosiddetto progetto Stoq), del legame tra arte efede, del dialogo con il mondo dell’ateismo e della noncredenza (il ”Cortile dei Gentili”), della comunicazione edel linguaggio, del dialogo con le culture emergenti.

Insieme ai suoi collaboratori ha realizzato gia’significativi momenti di dialogo culturale, ottenendopositivi riscontri da parte di scienziati e artisti, uominidi cultura e filosofi non credenti, desiderosi di allacciarenuovi rapporti con la Santa Sede e di confrontarsi senzapregiudizi con le istanze scaturite e motivate dalla fedecattolica, nei diversi campi della cultura. Si ricordano, adesempio, il congresso internazionale su Darwin, a cui hannopartecipato scienziati di fama mondiale, tra cui alcuni premiNobel, e l’incontro del Papa con gli artisti, tenutosi nellaCappella Sistina il 21 novembre 2009.

dab/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su