Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Conclave: allestito balcone annuncio ‘habemus papam’

colonna Sinistra
Lunedì 11 marzo 2013 - 09:30

Conclave: allestito balcone annuncio ‘habemus papam’

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 11 mar – E’ stato allestito questa mattina il balcone della Basilica di San Pietro da cui verra’ pronunciata la celebre frase ‘habemus papam’ che annuncera’ al mondo il nuovo Pontefice. Una squadra dei vigili del fuoco insieme ad altri operatori ha montato la classica tenda rossa da cui uscira’ il prossimo papa. I tecnici sono ancora al lavoro, coadiuvati da un braccio meccanico. Intanto oggi si tiene la decima congregazione generale dei cardinali. Bocche cucite da parte dei porporati che hanno varcato l’entrata di Piazza del S.Uffizio a bordo delle proprie macchine. Presumibilmente questa sara’ l’ultima congregazione prima del Conclave di domani. ”E’ vero, si e’ discusso di tante cose. Tante questioni sono state poste all’attenzione di tutti i cardinali, perche’ ognuno di noi ha potuto portare liberamente il suo contributo, fare domande, ricevere risposte e avere i necessari chiarimenti. Ma alla fine l’armonia e’ prevalsa”. Cosi’ il cardinale Antonio Maria Veglio’, presidente del Pontificio consiglio per i migranti, in un’intervista a ‘La Repubblica’, ha rivelato alcuni contenuti delle Congregazioni generali. ”Lo stato d’animo con cui entriamo in Conclave – ha proseguito il cardinale – e’ ottimo e il clima nel Collegio cardinalizio di grande fraternita’. Non poteva che essere cosi’: il confronto e il dialogo tra i cardinali hanno generato grandi frutti a tutto vantaggio della Chiesa”. ”Nessun clima avvelenato – ha ribadito il card. Veglio’ – E tanto meno scontri. C’e’ stata invece una grande volonta’ di reciproca franca conoscenza e una forte determinazione a sentire le testimonianze di quei cardinali provenienti da aree a rischio. Al di la’ degli aspetti normativi del Conclave, le Congregazioni sono state momenti utili per conoscere, in concreto, la situazione della Chiesa nel mondo. Si e’ parlato delle terre di missione. In particolare, i cardinali dei Paesi musulmani hanno parlato dei problemi che sorgono tra cristiani e islamici”. red/int

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su