Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Cia, capire fonte contaminazione cinghiali radioattivi

colonna Sinistra
Venerdì 8 marzo 2013 - 17:19

Salute: Cia, capire fonte contaminazione cinghiali radioattivi

(ASCA) – Roma, 8 mar – Di fronte all’allarme ‘cinghialiradioattivi’ scattato dopo la scoperta in 27 esemplaricacciati in Valsesia di tracce di cesio 137 superiori didieci volte i limiti massimi tollerati in caso di incidentenucleare, bisogna agire immediatamente in due direzioni:capire al piu’ presto la fonte della contaminazione, se siaeffettivamente riconducibile al disastro di Chernobyl del1986 o se possa essere legato in qualche modo all’influenzadei siti nucleari nei Paesi vicini come la Francia o allapresenza di rifiuti tossici, ed estendere i controlli aglialtri animali selvatici che condividono gli stessi ambientidei cinghiali. Lo afferma la Cia (Confederazione italianaagricoltori).

La vicenda, che ancora una volta rischia di coinvolgere ilsettore agroalimentare – sottolinea la Cia – rende semprepiu’ chiara l’importanza per l’intera filiera di un attentomonitoraggio e di una rete efficiente di controlli. In attesa degli esiti della riunione all’Istitutozooprofilattico di Torino e dei risultati delle nuove analisidisposte – evidenzia la Cia – bisogna evitare pero’ ildiffondersi del panico nei consumatori. Tanto piu’ che, tra imaggiori rischi per la salute associati al cibo, i cittadinimettono sul gradino piu’ alto del podio proprio lacontaminazione da sostanze tossiche e prodotti chimici (19per cento), ancora prima dei pericoli legati ai batteri comesalmonella e listeria (12 per cento) o alla presenza diadditivi e coloranti (9 per cento), secondo una recenteindagine eurobarometro.

com/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su