Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ambiente: Ocse, italiane oltre meta’ delle citta’ piu’ inquinate d’Europ

colonna Sinistra
Venerdì 8 marzo 2013 - 15:28

Ambiente: Ocse, italiane oltre meta’ delle citta’ piu’ inquinate d’Europ

(ASCA) – Roma, 8 mar – Sono italiane piu’ di meta’ delletrenta citta’ europee con la peggiore qualita’ dell’aria -con Torino, Brescia e Milano tra quelle piu’ inquinate – taleda incidere direttamente sulla riduzione della speranza divita statistica, soprattutto a Nord, con migliaia di decessiannui attribuibili all’inquinamento aereo. E’ quanto emergedal ”Rapporto Ocse sulle performance ambientali: Italia2013”, presentato oggi a Roma da Simon Upton, direttore deldipartimento Ambiente Ocse, alla presenza del ministroCorrado Clini, e del sottosegretario allo Sviluppo economico,Claudio De Vincenti. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppoeconomico (Ocse) riconosce all’Italia di aver ”raggiuntotutti gli obiettivi indicati dalla Direttiva Ue sui limitinazionali delle emissioni” realtiva ad alcuni inquinantiatmosferici. Cosi’ ”nel 2009, i livelli di emissionepro-capite e per unita’ di Pil dell’Italia erano tra i piu’bassi dei 34 paesi Ocse”, scrive il rapporto.

Nonstante cio’, tallone d’Achille dell’aria italiana sonole emissioni di particolato provenienti da fonti dicombustioni ridotte – ad esempio piccole fabbriche eriscaldamento domestico, climatizzatori – aumentatenotevolmente: rappresentano il 45% delle emissioni totali diparticolato grossolano (Pm10) e il 52% di quelle diparticolato fine (Pm2,5).

Ne deriva, sulla base di modelli di previsione statistica,che il livelli di Pm2,5 nel Nord Italia provocano unariduzione di speranza di vita statistica di circa un anno.

Inoltre, una valutazione epidemiologica su 13 citta’ italianeha riscontrato che ogni anno circa 8000 decessi possonoessere attribuiti alla elevata concentrazione di Pm10 e diprecursori dell’ozono.

stt/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su