Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sede vacante: cardinali discutono di rinnovamento e situazione Chiesa

colonna Sinistra
Martedì 5 marzo 2013 - 15:43

Sede vacante: cardinali discutono di rinnovamento e situazione Chiesa

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 5 mar – Anche se questopomeriggio non si svolgera’ la sessione pomeridiana delleCongregazioni generali, i 148 cardinali giunti a Roma stannointensificando colloqui e contatti in vista del Conclave. Unaaccelerazione che si e’ notata anche con la minore voglia daparte di quasi tutti i porporati di esporsi e di dialogarecon la stampa presente, che ormai sta letteralmente’assediando’ le Mura Leonine con un ‘esercito’ di piu’ di 5mila giornalisti.

Bocche cucite oggi all’entrata e all’uscita dai lavorinell’Aula Grande del Sinodo dove, intanto, mancanoall’appello solo 5 cardinali elettori per poter dire laparola definitiva sulla data dell’inizio del Conclave. Senelle Congregazioni in due giorni ci sono stati 33 interventida parte di altrettanti cardinali, e’ stata rispettata lapiena liberta’ di potersi esprimere senza una limitazione deitempi. Ovviamente c’e’ il massimo riserbo sui contenuti deitemi toccati e sulle questioni poste in agenda. Nessunaconferma, quindi, sull’aver trattato pubblicamente, gia’ alleprime battute delle discussioni, temi scottanti come quellidi Vatileaks, dello Ior o della crisi che, sotto tanti puntidi vista, sta attraversano il corpo ecclesiale.

Un accenno e’ venuto, pero’, dal portavoce Vaticano padreFederico Lombardi che ha riferito ai giornalisti che tra lequestioni messe sul tavolo dai cardinali di tutto i mondo cisono anche quelle legate al ”rinnovamento della Chiesa allaluce del Concilio Vaticano II e alla situazione dellaChiesa”. Altri porporati hanno, invece, soluto affrontare (econoscere) la situazione legata ”all’attivita’ della SantaSede e dei diversi dicasteri e il loro rapporto con gliepiscopati”. Ma non sono mancati, ha fatto intendere padreLombardi, anche attenzioni piu’ pastorali come quelle legatealle ”esigenze della nuova evangelizzazione nel mondo, nellediverse situazioni culturali”. A parlare al momento sono stati cardinali inrappresentanza di tutti i continenti. Una discussione, sempresvolta, comunque, e’ stato assicurato, ”in piena liberta’ edespressivita”’. E che i cardinali, prima di giungere ad una elezione cheappare cosi’ importante dopo la rinuncia di Benedetto XVIvogliono conoscersi e conoscere in maniera approfondita perpoter assumere la decisione piu’ giusta, e’ confermata anchedal fatto che proprio la questione (tanto attesa daigiornalisti) della data di inizio del Conclave e’ ancora”completamente aperta alla considerazione dei porporati” iquali vogliono procedere, ha chiarito sempre Lombardi,”senza affrettare le cose”.

Non e’ un caso, forse, che i lavori di allestimento dellaCappella Sistina, inizieranno solo questo pomeriggio. Anchela decisione di non tenere ne’ oggi ne’ domani pomeriggio leCongregazioni generali e’ da leggersi come un segno diaccelerazione dei tempi. ”I cardinali – ha infatti spiegatoLombardi – vogliono organizzare i loro tempi da loro stessi,per assumere informazioni, conoscersi e valutare. NelleCongregazioni si lavora, ovviamente, solo tra cardinali manel resto del tempo sono liberi di prepararsi e riflettereacquisendo le informazioni da chi ritengono piu’ affidabile,sia esso cardinale o no”.

gc/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su