Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Carne di cavallo: Manzato, puntare su filiera corta e produzioni tipiche

colonna Sinistra
Venerdì 22 febbraio 2013 - 13:47

Carne di cavallo: Manzato, puntare su filiera corta e produzioni tipiche

(ASCA) – Venezia, 22 feb – La filiera corta garantisce dipiu’ di quella lunghissima e mondializzata. Ne e’ convintol’assessore all’agricoltura del Veneto, Franco Manzato,commentando i piu’ recenti dati sull’agricoltura esull’agroalimentare regionale, che confermano una crescitaeconomica di questi due settori nonostante la crisi, con unaumento dell’occupazione. La vicenda della carne di cavalloe’ emblematica – ha ribadito – dei rischi che possono celarsidietro filiere troppo lunghe, che sono tali perche’finalizzate all’obiettivo primario della massimaredditivita’.

L’agricoltura e l’enogastronomia veneta evidenziano inveceche l’obiettivo primario qualita’-territorio premia iproduttori e garantisce di piu’ i consumatori, anche suimercati internazionali. Del resto, non c’e’ bisogno diinventare sapori omogenei in una regione ricca di gusto comela nostra, che produce circa 8 milioni di ettolitri l’anno ene esporta una quantita’ pari al 60 per cento per un valoredi 1,4 miliardi, dove si producono 17 prodotti aDenominazione d’Origine Protetta e 18 Indicazione GeograficaProtetta (siamola prima regione europea per produzioni adenominazione); che dispone di 370 Prodotti AgroalimentariTradizionali. Una simile miniera di prelibatezze, peraltro,trova molti ostacoli a farsi riconoscere rispetto allamondializzazione, che investe molto in autoreferenzialita’ ein lobby. I nostri prodotti invece soffrono di moltissimitentativi di copiatura dei marchi e dei nomi. Almeno cicopiassero la qualita’ – ha aggiunto – e invece, come nelcaso dei vini in scatola, ci rubano le denominazioni peringannare i consumatori e vivere, danneggiandoci, sulla sciadei nostri successi.

Rendere riconoscibili i prodotti del territorio e chi liproduce, le qualita’ etiche e storiche oltre a quellesalutistiche ed organolettiche – ha concluso l’assessore – e’un obiettivo sempre piu’ urgente, anche se molto contrastato.

Per quanto ci riguarda, la prossima tappa sara’ lapresentazione del nostro marchio ”Qualita’ Verificata”,conferito a prodotti di filiera corta ottenuti nel rispettocristallino di regole minuziose finalizzate a migliorarnetutte le caratteristiche,che vanno ben al di la’ di quelleminime previste dalle norme ordinarie.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su