Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Immigrazione: Nigeriano rifiuta espulsione, violenze in CIE a Roma

colonna Sinistra
Lunedì 18 febbraio 2013 - 16:41

Immigrazione: Nigeriano rifiuta espulsione, violenze in CIE a Roma

(ASCA) – Roma, 18 feb – Il rifiuto di un giovane nigeriano diessere rimpatriato e’ degenerato stamane in violentidisordini presso il Centro di identificazione ed espulsione(Cie) di Ponte Galeria a Roma, dove ” il clima e’ tale chequalsiasi episodio di vita quotidiana puo’ essere ildetonatore di proteste e di violenze”. La denuncia arriva daAngiolo Marroni, Garante dei detenuti del Lazio. Laresistenza del giovane Victor, 29 anni, all’esecuzione deldecreto di espulsione a suo carico ha causato la reazionedelle forze dell’ordine, ma anche degli altri ospitinigeriani del Cie che rappresentano circa il 40% dellapopolazione maschile ospite (43 su 132ospiti). Il settoremaschile e’ stato messo a ferro fuoco rendendo necessariol’intervento dei pompieri, nello stesso giorno in cui eraprevista la visita di una delgazione stampa. Gli ospiti nonnigeriani sono rimasti alquanto indifferenti all’accaduto,mentre Victor non e’ stato rimpatriato e otto dei suoiconnazionali sono in stato di fermo giudiziario.

”La crisi che sta vivendo il Paese e la campagna elettoralehanno fatto sparire dall’agenda della politica il problemadell’immigrazione. Non solo a Ponte Galeria, ma in moltealtre strutture in tutta Italia, centinaia di persone vivonoquotidianamente una situazione da tortura psicologica. Inquesto contesto, le fughe dai Cie, le proteste anche violentee gli atti di disperazione personale sono all’ordine delgiorno” e’ l’allarme rilanciato dal Garante dei detenuti delLazio, Marroni. com-stt/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su