Header Top
Logo
Venerdì 21 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Rifiuti: Ispra, nel 2010 475 discariche hanno smaltito speciali

colonna Sinistra
Giovedì 14 febbraio 2013 - 18:36

Rifiuti: Ispra, nel 2010 475 discariche hanno smaltito speciali

(ASCA) – Roma, 14 feb – Sono 475 le discariche che hanno,nel 2010, smaltito rifiuti speciali; la maggior parte e’localizzata al Nord (268 impianti), 74 al Centro e 133 alSud. Lo evidenzia il Rapporto Ispra sui rifiuti speciali. Nel2010 sono state smaltite in discarica circa 12 milioni ditonnellate di rifiuti speciali, con una riduzione, rispettoal 2009, di quasi il 7%. I rifiuti pericolosi smaltiti indiscarica ammontano a oltre 777 mila tonnellate (6,5% deltotale), di questi il 62,4% viene smaltito in discariche perrifiuti non pericolosi, e solo il 37,6% in discariche perrifiuti pericolosi. I rifiuti di materiali da costruzionecontenenti amianto allocati in discarica ammontano a circa100 mila tonnellate (12,9% del totale dei rifiuti pericolosismaltiti); gli altri rifiuti pericolosi di amianto sono circa11 mila tonnellate.

Gli impianti di incenerimento di rifiuti speciali sono103, di cui 38 trattano principalmente rifiuti urbani equantita’ piu’ modeste di rifiuti speciali. Gli impianti sonolocalizzati in gran parte al Nord (63), mentre al Sud ne sonopresenti 24 ed al Centro 16. Complessivamente, nel 2010, sonostati inceneriti quasi 979 mila tonnellate di rifiutispeciali (397 mila tonnellate di rifiuti pericolosi e circa582 mila tonnellate di non pericolosi). Rispetto al 2009 sie’ registrato un incremento del 4% dei rifiuti inceneriti(circa 40 mila tonnellate in piu’), che riguardaprevalentemente i rifiuti speciali non pericolosi (+8%).

Riguardo il recupero energetico, infine, nel 2010 gliimpianti industriali in esercizio che utilizzano i rifiutispeciali come fonte di energia erano 500. Il quantitativototale di rifiuti speciali recuperati sotto forma di energiae’ pari a circa 2,3 milioni di tonnellate, con un aumento,rispetto al 2009, del 2%. Il quadro regionale evidenzia chela maggior parte dei rifiuti speciali recuperati, ben l’81%,e’ trattato in sole sette regioni: la Lombardia (27%),l’Emilia Romagna (19%), il Piemonte (10%), il Friuli VeneziaGiulia con (8%), il Veneto (7%), la Puglia (6%), ed infinel’Umbria (4%).

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su