Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Scandalo carne cavallo: Coldiretti, 30mln kg arrivati in Italia nel 2012

colonna Sinistra
Martedì 12 febbraio 2013 - 14:50

Scandalo carne cavallo: Coldiretti, 30mln kg arrivati in Italia nel 2012

(ASCA) – Roma, 12 feb – Circa 30 milioni di chili di carnedi cavallo, asino o mulo sono stati importati in Italia nel2012 provenienti per quasi la meta’ dalla Polonia, ma ancheda Francia e Spagna mentre poco piu’ di un milione di chiliproviene dalla Romania che sembra essere uno dei principaliimputati dell’ ‘horsegate’ che sta sconvolgendo l’Europa. E’quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimentoalla carne di cavallo trovata in diverse confezioni diprodotti Findus in vendita in Inghilterra, che avrebberodovuto contenere solo manzo. Al rischio di frode che sembra profilarsi si aggiunge -sottolinea Coldiretti – lo scandalo dovuto al fatto che glialimenti sotto accusa richiamano esplicitamente all’Italiacon le lasagne, i cannelloni e gli spaghetti alla bolognese(questi ultimi peraltro del tutto sconosciuti nel capoluogoemiliano) senza pero’ alcun legame con il sistema produttivonazionale, ma frutto di un vorticoso carosello commercialeall’interno dell’Europa. Secondo le ultime ricostruzioni – spiega Coldiretti – laFindus era rifornita da una societa’ con sede nel nord-estdella Francia, la Comigel, che produce prodotti simili perfornitori e distributori di cibo in sedici paesi. I prodottiFindus contenenti carne di cavallo scoperti in Gran Bretagnaprovenivano da una fabbrica della Comigel in Lussemburgo. LaComigel a sua volta era rifornita dalla carne proveniente daun’azienda del sud della Francia, la Spanghero, la cuisocieta’ madre si chiama Poujol. La Poujol ha acquistato lacarne congelata da un’azienda di commercializzazione diCipro, che ha subappaltato l’ordinazione ad una societa’olandese. Quest’ultima era rifornita da un mattatoio e unamacelleria rumena. Alla evidente difficolta’ della legislazione europea digarantire trasparenza negli scambi commerciali enell’informazione ai consumatori che ha portato a farscattare l’allerta e a fissare un vertice dei Ministridell’Agricoltura per mercoledi’ 13 febbraio a Bruxelles, siaggiunge quindi – sostiene Coldiretti – il grave dannoeconomico e di immagine provocato all’Italia che fondanell’agroalimentare uno dei sui punti di forza all’estero. Ilfatturato del falso Made in Italy agroalimentare ha superatoi 60 miliardi di euro e le esportazioni nazionali potrebberotriplicare da una serie lotta ai cibo italiano taroccato nelmondo, senza dimenticare le opportunita’ occupazionali ed irischi di danni alla salute o all’immagine provocati da casicome quello della carne di cavallo impropriamente utilizzatain piatti italiani. Il termine ‘bolognese’ e’ il piu’ usurpato della cucinaitaliana che viene utilizzato a livello internazionale perindicare improbabili sughi contenuti in vasetti o neibarattoli (da lasagne a cannelloni, dai tortellini alletagliatelle), ma che campeggia anche su strane confezioni dimortadella di tacchino e soprattutto e’ usato, in tutti icontinenti, come condimento degli spaghetti secondo unaricetta che spopola nel mondo, ma che e’ del tuttosconosciuta in Italia. com/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su