Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Polizia: accordo con Cnr su tecnologie orientate alla sicurezza

colonna Sinistra
Martedì 5 febbraio 2013 - 17:59

Polizia: accordo con Cnr su tecnologie orientate alla sicurezza

(ASCA) – Roma, 5 feb – Il presidente del Consiglio nazionaledelle ricerche, Luigi Nicolais e il direttore centrale dellaDirezione centrale anticrimine della Polizia di Stato (Dac),Prefetto Gaetano Chiusolo, hanno siglato oggi un accordoquadro per la promozione di iniziative congiunte nel campodelle tecnologie orientate alla sicurezza. La collaborazionee’ centrata in particolare su tematiche che riguardano ilsettore delle scienze forensi, la tutela dell’ordine e dellasicurezza pubblica. Le collaborazioni previste includono indagini relative airesidui dello sparo, di tipo balistico e orientate alladeterminazione della composizione di materiali esplosivi,sviluppo e applicazione delle tecnologie biometriche,metodologie e modelli nei settori della sicurezza fisica elogica, tecnologie dell’informazione applicate ad altreattivita’ relative alle scienze forensi. Obiettivo comune e’condividere attivita’ di ricerca e sperimentazione acarattere multidisciplinare per assicurare lo sviluppo diconoscenze e metodologie nel contesto delle tecnologieorientate alla sicurezza, cercando di trasferire i risultatiraggiunti a livello internazionale.

Verra’ costituito un comitato di gestione composto per il CNRdal direttore dell’Istituto per lo studio dei materialinanostrutturati, Giuseppina Padeletti, e per la DAC daldirettore pro tempore del Servizio Polizia Scientifica,Daniela Stradiotto.

”L’accordo che abbiamo sottoscritto – dichiara il presidente- inaugura un modo nuovo di intendere e utilizzare irisultati e le metodologie sviluppate in ambito scientificoed evidenzia quanto la ricerca scientifica possa contribuirea vantaggio dei cittadini e della societa’. Con questa intesale competenze, le conoscenze, le tecnologie sviluppate da CNRe Direzione centrale anticrimine vengono condivise e fatteconvergere per rafforzare la risposta delle istituzioninell’assicurare la sicurezza e la tutela delle persone. Gliambiti di intervento, dalle indagini balistiche allo sviluppodi tecnologie biometriche, per la trasversalita’ e l’usosempre piu’ sofisticato di tecnologie avanzate, sonodestinati a innovare profondamente l’azione e le metodologieinvestigative e a ridurre i margini di incertezza e dierrore”.

”Con questo accordo – conferma il direttore centraleanticrimine della Polizia di Stato, Prefetto Gaetano Chiusolo- la Polizia di Stato aggiunge un nuovo tassello al percorsodi implementazione del concetto di sicurezza partecipata. Ilpartenariato con soggetti pubblici e privati, infatti,rappresenta lo strumento strategico per la suarealizzazione”. red-gc/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su