Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Crisi: Frati Assisi, esclusione da lavoro e’ esclusione da societa’

colonna Sinistra
Martedì 5 febbraio 2013 - 18:27

Crisi: Frati Assisi, esclusione da lavoro e’ esclusione da societa’

(ASCA) – Assisi (Pg), 5 feb – ”L’esclusione dal lavorodiventa spesso, drammaticamente, l’esclusione dalla societa’e dal mondo circostante. Dal nostro sito rivolgiamo unappello alle istituzioni affinche’ ci dicano come voglionofar crescere le opportunita’ di lavoro”. Cosi’ il direttoredella rivista e della Sala stampa del Sacro Convento diAssisi, padre Enzo Fortunato, commentando il numero crescentedi lettere da parte di donne e uomini che giungono allarivista San Francesco Patrono d’Italia, edita dal SacroConvento di Assisi, per raccontare il disagio, la fatica divivere nell’Italia di oggi, attraverso le proprietestimonianze. Il sito della rivista – sanfrancesco.org – hadeciso di pubblicarle e di farle commentare dagli altrilettori. In un giorno ne sono arrivate piu’ di unacinquantina. C’e’ il dramma del lavoro che non si trova, diuna vita sempre piu’ dura da portare avanti, e c’e’ l’appelloin molti casi disperato alla classe politica italiana -attraverso la citazione dell’esempio di San Francesco -affinche’ ci sia ”maggiore equita’ e giustizia in tutti isettori”. Tutto parte, sottolineano i frati di Assisi, dallalettera di una ragazza che si firma ”disperata”: ”Non houn lavoro e per questo mi sento sempre molto giu’ e un po’fallita. Ho 35 anni e nella mia vita non ho combinato nulla,mi sento inutile e a volte penso che sarebbe meglio farlafinita. Sono solo un peso per tutti. Mi chiedo, che senso havivere”. Tanti i commenti seguiti, come quello di Marco, diRoma, che chiede ai ”cattolici che sono in politica dismuovere le coscienze con azioni forti e senza mezzi termini,come il messaggio di questa ragazza cosi’ disperato estruggente”. Sergio dice di ”non perdere la speranza e dinon mollare mai”; Silvia, di Cuneo, in vista delle elezioni,chiede ”cose positive, che meritiamo, come serenita’,giustizia, pulizia, onesta’, rispetto, equita’, pace”.

pg/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su