Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Elezioni: medici Snami, silenzio assordante e demagogia sulla Sanita’

colonna Sinistra
Giovedì 24 gennaio 2013 - 11:31

Elezioni: medici Snami, silenzio assordante e demagogia sulla Sanita’

(ASCA) – Roma, 24 gen – ”Oggettivamente si sente pocoparlare in questa campagna elettorale di sanita’ che invecedovrebbe essere tra i temi piu’ importanti sul cui confrontomaturare la scelta ponderata del voto. Se consideriamo ilventaglio dei partiti che potrebbero prendere piu’ consensie’ imperante la calma piatta, come se il tema sanita’ fossemarginale. C’e’ chi nel proprio programma elettorale non nefa neanche cenno, c’e’ chi affronta il tema in manieragenerica e superficiale pur dichiarando che e’ favorevole alsistema sanitario pubblico, arrivando, dulcis in fundo, a chila spara davvero grossa dichiarando tra l’altro che i medicidi famiglia dovrebbero lavorare dentro l’ospedale”. AngeloTesta, Presidente Nazionale del sindacato medici Snamiritorna sul ”silenzio assordante” della politica sullasanita’: ”Eppure – osserva – gli argomenti sul piatto dellabilancia sono tanti e scottanti: federalismo, ticket, pianidi rientro, Lea, ospedale e territorio. Su tutti la spada diDamocle dei tagli economici progressivi, l’interventismoschizofrenico di chi vorrebbe cambiare ad isorisorse e ladelegittimazione scientifica del sistema sanitario nazionaledi chi vorrebbe lucrare su forme alternative di assistenzasanitaria. Come Snami vogliamo difendere la natura pubblica esolidale del nostro sistema sanitario ricordando che l’Italiae’ uno dei pochi Paesi con un sistema sanitario pubblico adaccesso universale e vogliamo inoltre rilanciare ilterritorio, attraverso la tutela dei Medici che vi operano,partendo da una pregiudiziale: fuori i partiti politici dallenomine della sanita’. Non per niente al sondaggio del mesescorso proposto sul sito nazionale del nostro sindacato,alladomanda: ‘La Sanita’ e’ diventata riserva di caccia dellapolitica?’,le risposte sono state ‘si” per il 96% e solo il4% ha risposto negativamente”. red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su