Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma: ex pusher ricattato da vecchi ‘soci’ in affari, 3 arresti

colonna Sinistra
Lunedì 21 gennaio 2013 - 09:49

Roma: ex pusher ricattato da vecchi ‘soci’ in affari, 3 arresti

(ASCA) – Roma, 21 gen – I Carabinieri della Compagnia RomaMontesacro hanno arrestato tre giovani romani di 19, 21 e 25anni con le accuse di estorsione e spaccio di sostanzestupefacenti. I tre, nei giorni scorsi, avevano ricattato unaltro romano di appena 20 anni, gia’ spacciatore al minuto distupefacenti per conto di altri suoi coetanei, che avevadeciso di voler abbandonare l’attivita’ delinquenzialepoiche’ esasperato dalle continue richieste di danaroprovenienti dal piccolo sodalizio. Per questo motivo ilgiovane ‘redento’ ha deciso di tagliare i ponti e chiuderecon la droga, ma nei mesi successivi e’ stato intimidito,minacciato e aggredito, finche’ non si e’ trovato costretto aconsegnare 4.000 euro in contanti per uscire dal giro edevitare conseguenze peggiori. I genitori della vittima, chesi erano accorti degli strani comportamenti del figlio, sonoriusciti ad ottenere da lui una confessione e si sono rivoltiai Carabinieri. Immediatamente sono scattate le indagini deimilitari che, grazie a servizi di pedinamento, osservazione econtrollo, hanno assistito allo scambio di denaro tra lavittima e i suoi aguzzini, avvenuto in un locale pubblico delquartiere Talenti, riuscendo a chiudere il cerchio in sole 48ore. I Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro hanno,cosi’, arrestato il 19enne ed il 21enne con l’accusa diestorsione continuata ed aggravata, recuperando le banconoteillecitamente cedute; il 25enne, riconducibile ai dueaguzzini, e’ stato, invece, arrestato per detenzione ai finidi spaccio di sostanze stupefacenti poiche’ all’interno delpunto scommesse da lui gestito, ubicato in zona Parioli, iCarabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 1 kg di marijuanapronta per essere spacciata. Per il 21enne, incensurato, sono stati disposti gliarresti domiciliari mentre gli altri due, gia’ conosciutialle forze dell’ordine, sono stati associati in carcere adisposizione dell’Autorita’ Giudiziaria.

com-dab/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su