Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • ‘Ndrangheta: Commissione, in Lombardia preoccupante accettazione sociale

colonna Sinistra
Lunedì 21 gennaio 2013 - 17:04

‘Ndrangheta: Commissione, in Lombardia preoccupante accettazione sociale

(ASCA) – Milano, 21 gen – L’economia mafiosa gestita dallecosche della ‘ndrangheta ha raggiunto in Lombardia unpreoccupante livello di accettazione sociale che finisce conl’accrescerne la forza economica, il prestigio, il tessuto diomerta’ e, in definitiva, il potere. Lo sottolinea larelazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sugliilleciti connessi al ciclo dei rifiuti presieduta dall’onGaetano Pecorella nell’indagine dedicata alla Lombardia. La relazione mette in luce come gli uomini della’ndrangheta godano di pessima fama nella regione piu’ ricca eindustrializzata d’Italia. Tuttavia accade che non soloimprenditori, ma anche uomini delle istituzioni e uominipolitici, come consiglieri provinciali e regionali, sirapportino a personaggi del livello mafioso con pienaconsapevolezza per rivolgere loro richieste di intervento edi favori vari, anche di carattere politico-elettorali.

Cosi’, evidenzia il Rapporto, vengono conferiti a personaggilegati ad organizzazioni criminali la piena legittimazione aessere presenti e ad operare nella societa’ civile.

Sul fronte piu’ specifico dei reati conessi al ciclo dismaltimento dei rifiuti, la relazione della CommissioneParlamentare presieduta da Gaetano Pecorela evidenzia comenella sola provincia di Milano si sono concentrate circa il10% di tutte le inchieste italiane: cio’ ha posto in evidenzala presenza della criminalita’ ambientale, anche di tipomafioso, negli appalti relativi al movimento terra neicantieri pubblici e privati e nello smaltimento delle scorieindustriali. Il problema non riguarda i rifiuti urbani, ma quellispeciali.

Perche’ se nel primo caso, il livello di industrializzazioneraggiunto rende di per se’ generlamente immune dalleinfiltrazioni illecite la gestione del ciclo, nel settore deirifiuti speciali (che rappresentano l’80% del totale deirifiuti prodotti nella regione) il rischio di attivita’illecite connesse al traffico di rifiuti, come purel’interesse delle cosche, e’ stato dimostrato da numeroseinchieste della magistratura.

fcz/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su