Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mafia: E.Romagna, 50 mila firme per restituire imprese sequestrate

colonna Sinistra
Mercoledì 16 gennaio 2013 - 15:15

Mafia: E.Romagna, 50 mila firme per restituire imprese sequestrate

(ASCA) – Bologna, 16 gen – Piu’ di 50 mila firme perrestituire alla collettivita’ i beni e le aziende sottrattealla mafia. E’ l’obiettivo della campagna ”Io riattivo illavoro” promossa, a sostegno di un progetto di legge diiniziativa popolare, dal comitato regionale composto da Cgil,Arci, Libera, Centro studi Pio La Torre, Avviso Pubblico,Confesercenti SoS Impresa, Legacoop e Acli e sostenuta dallaRegione Emilia-Romagna. La raccolta delle firme e’ partita ufficialmente oggi aBologna e proseguira’ fino a maggio in tutto il Paese. Unavolta raggiunte quelle necessarie (50 mila), il progetto dilegge sara’ depositato in Parlamento. L’iniziativa di legge popolare e’ un testo di 10 articoliche vogliono assicurare tutti gli strumenti necessari ascongiurare il fallimento delle aziende sequestrate econfiscate alla criminalita’ organizzata e tutelare ilavoratori, puntando soprattutto su trasparenza, formazione,concertazione con le parti sociali, white list e accordi conla pubblica amministrazione per favorire l’emersione allalegalita’ del lavoro e delle aziende. ”La Regione mettera’ tutto il proprio impegnoistituzionale al fianco delle associazioni che hanno promossoquesto importante progetto di legge”, ha sottolineato lavice presidente della Regione Simonetta Saliera, nel corsodella conferenza stampa di presentazione dell’avvio dellacampagna di raccolta delle firme, cui hanno preso parte MirtoBassoli (Cgil Emilia-Romagna), Daniele Borghi (Libera),Roberta Cappelli (Arci), Alberto Armuzzi (Legacoop), WalterRaspa (Acli), Roberto Lucchi (Sos Imprese Confesercenti) eFranco Corradini (Avviso Pubblico). com-dab/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su