Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: naufrago, quella notte mi sono sentito in trappola

colonna Sinistra
Sabato 12 gennaio 2013 - 15:07

Costa Concordia: naufrago, quella notte mi sono sentito in trappola

(ASCA) – Isola del Giglio (Gr), 12 gen – ”Quella notte misono sentito in trappola. Ancora non riesco a capacitarmi:vedo la nave li’ e penso che essere riusciti a salvarsi siastato un miracolo”.

Lo afferma Marco, che il 13 gennaio dello scorso anno era conla moglie sulla Costa Concordia naufragata all’Isola delGiglio, per festeggiare i 25 anni di matrimonio. ”Sono stato sulla fiancata della nave per due ore – ricordaoggi all’Isola del Giglio, dove e’ tornato in occasionedell’anniversario del naufragio -. In quei momenti pensi soloa venirne fuori, non capivamo niente, non sapevamo se la navesarebbe andata giu’. Ricordo il panico quando la nave haavuto l’ultimo scrollone e poi, fortunatamente, si e’fermata. Eravamo in corridoio e improvvisamente il pavimentoe’ diventato una parete”.

Oggi sull’isola, conclude, ”stiamo vagando, siamodisorientati.

Siamo qua anche per ringraziare gli abitanti del Giglio checi hanno aiutato”.

afe/vlm/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su