Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: Arpat, al momento impatto molto limitato su ambiente

colonna Sinistra
Giovedì 10 gennaio 2013 - 11:47

Costa Concordia: Arpat, al momento impatto molto limitato su ambiente

(ASCA) – Firenze, 10 gen – L’impatto del naufragio dellaCosta Concordia sul mare dell’Isola del Giglio ”avrebbepotuto essere potenzialmente catastrofico per l’ambiente” ma”e’ stato invece fino ad oggi molto limitato”.

Lo afferma l’Arpat, l’agenzia per l’ambiente della RegioneToscana, che ha effettuato il monitoraggio nelle acque in cuie’ naufragata la nave. Nel periodo compreso fra gennaio e dicembre 2012 sono statieffettuati oltre 100 giorni di prelievo, per piu’ di 300campioni, per un totale di oltre 13.500 determinazioni. Lamaggior parte delle misure sono state effettuate in 2 puntidi campionamento intorno al relitto e in un punto presso lapresa dell’impianto di dissalazione, utilizzato per laproduzione di acqua potabile. Periodicamente sono statieffettuati campionamenti presso Cala Caldana a sud del puntodel naufragio come valore di ‘bianco’. Alcuni prelievi sonostati effettuati all’interno del relitto, altri inprofondita’ all’altezza degli squarci dello scafo.

In base agli esiti del monitoraggio condotto nelle vicinanzedel relitto e presso il punto di presa del dissalatore ”nonsi sono evidenziate situazioni di evidente criticita’,alterazioni di acque particolarmente pulite come sono erestano quelle dell’isola del Giglio”. Si sono registratiper alcuni parametri” andamenti fluttuanti, comunque entrolivelli di concentrazione non molto piu’ elevati rispetto ai’bianchi’ di riferimento”. Le analisi all’interno nave, nonpreviste nel piano di monitoraggio, ”hanno evidenziatoalcuni episodi di ”picco” per alcuni parametri, senzaperaltro determinare situazioni di inquinamento significativorilevabile nell’intorno del relitto”. Relativamente alla situazione della Posidonia, delleMacroalghe e del Coralligeno, le indagini, effettuate ingennaio-febbraio, nelle postazioni a poca distanza dalla zonadel relitto, presentavano ”uno stato ecologico elevato,ovvero nessuno o molto poco disturbo antropico, situazione diriferimento iniziale verificata anche in seguito”.

afe/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su