Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Lavoro: Cia, puntare su agricoltura per creare occupazione

colonna Sinistra
Martedì 8 gennaio 2013 - 15:48

Lavoro: Cia, puntare su agricoltura per creare occupazione

(ASCA) – Roma, 8 gen – ”L’agricoltura e’ un settore vitaleche ha risorse importanti per contribuire alla crescita ealla creazione di nuova occupazione. Bisogna, pero’,riaccendere i riflettori sul mondo agricolo, adottandopolitiche mirate”. Lo ha affermato il presidente dellaCia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi acommento dei dati Istat sull’occupazione nel nostro Paese.

”Prima di tutto – aggiunge la Cia – e’ indispensabile chevi sia un reale abbattimento dei costi (produttivi econtributivi) e della burocrazia che oggi paralizzano leimprese agricole.

Nelle campagne, a differenza di industria e servizi, c’e’possibilita’ di lavoro, soprattutto per i giovani. Cio’ puo’essere sfruttato da parte della maggioranza e del governo cheusciranno dalle prossime elezioni politiche attraverso unastrategia che consenta agli imprenditori agricoli, inparticolare quelli ‘under 40’, di riprendere a ‘marciare’ edi aprire anche le porte ai tanti lavoratori che sono stati,purtroppo, espulsi dagli altri comparti produttivi”. ”Pur in presenza di una profonda crisi, – prosegue ilpresidente della Cia – il settore primario ha ‘tenuto’soprattutto sotto il profilo occupazionale. I motivi vannoricercati nelle caratteristiche del lavoro agricolo, spessovisto come simbolo di precarieta’ e che, invece, hadimostrato, proprio per la sua flessibilita’, di adeguarsimeglio di altri a una congiuntura fortemente negativa. Maquesto rischia di non bastare piu’ per il futuro. Da qui larichiesta di tagliare i costi produttivi, come quellidell’Imu sui fabbricati rurali e sui terreni agricoli e deicarburanti, che pesano in maniera opprimente sulle imprese. Aquesto si deve aggiungere una sostanziale riduzione deglioneri contributivi, le cui aliquote sono di gran lungasuperiori a quelle applicate negli altri paesi europei, el’esigenza di congrui incentivi e sgravi per premiare icomportamenti virtuosi delle aziende, a cominciare da quellecondotte da giovani, che dimostrano grande vitalita’ erisorse”.

com-dab/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su