Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Immigrati: Migrantes (Cei), garantire cittadinanza e diritto voto

colonna Sinistra
Martedì 8 gennaio 2013 - 14:03

Immigrati: Migrantes (Cei), garantire cittadinanza e diritto voto

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 8 gen – ”L’accesso allacittadinanza di chi nasce in Italia come anche la riduzionedei tempi per il riconoscimento della cittadinanza italianaportano con se’ un’immediata o piu’ veloce accessibilita’alla partecipazione al voto, allo svolgimento del serviziocivile da aprte dei giovani tra i 18 e i 28 anni”. Lo hadetto il direttore generale della Fondazione Migrantes dellaCei, monsignor Giancarlo Perego, durante la conferenza stampaper la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato che sicelebrera’ domenica 13 gennaio.

All’incontro erano presenti anche il presidente Cemi edella fondazione Migrantes, monsignor Paolo Schiavon, ilportavoce della Cei, monsignor Domenico Pompili e il ministrodella Salute, Renato Balduzzi.

Per mons. Perego ”la modifica della legge sullacittadinanza, raccolto dalla campagna ‘L’Italia sonoanch’io’, e’ un tema da riproporre”. Il testo di legge sulla cittadinanza del 1992, haricordato mons. Perego, ha aumentato gli anni di residenzarichiesti per ottenere la cittadinanza, passando da 5 a 10,per i non comunitari, rispetto alla precedente legge del1912.

”Prevedere il ritorno a 5 anni e’ molto importante”perche’ ”significa adeguarsi agli standard internazionali,favorire la partecipazione e l’inclusione sociale. Occorreessere molto attenti perche’ i 10 anni oggi richiesti dallalegge diventano spesso 13 anni”.

E’ necessario, ha ribadito mons. Perego ”superare unaforte tendenza individualista” poiche’ spesso ”dietro ilrifiuto della cittadinanza c’e’ il rischio di una chiusura epoca attenzione alle persone che stanno costruendo la vitadelle nostre citta”’.

”La proposta per la cittadinanza degli immigrati – harisposto ai cronisti presenti mons. Perego – restaimportante” ma ”bisogna anche notare che ci sono 23proposte diverse che non vedono ancora un’unitarieta’ sulpiano politico. Vedo difficile giungere ad un cambiamento abreve della legge sulla cittadinanza”.

dab/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su