Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Infanzia: Peter Pan, in Italia 300mila bambini sotto la soglia poverta’

colonna Sinistra
Giovedì 3 gennaio 2013 - 16:49

Infanzia: Peter Pan, in Italia 300mila bambini sotto la soglia poverta’

(ASCA) – Roma, 3 gen – Sono 300 mila i bambini italiani da 0a 14 anni che vivono al di sotto della soglia di poverta’,perche’ appartenenti a nuclei familiari con un redditoinferiore ai diecimila euro annui .

E’ quanto emerge dal primo rapporto sull’infanziarealizzato dall’associazione Peter Pan Onlus, presieduta daMario Campanella. Il rapporto e’ stato realizzato nel periodonovembre-dicembre 2012 seguendo i flussi censitidall’Osservatorio Sociale e dall’ISTAT.

”La loro dislocazione geografica e’ disomogonea, con il60% di prevalenza nel centrosud – si legge nel rapporto – mail 40 % vive nell’area del centronord. Il 15% di loroproviene da famiglie immigrate , mentre nel 44% dei casi sitratta di famiglie monoreddito e con un solo figlio.

Il tasso di rimessa nelle case famiglia e nei centri diassistenza riguarda solo il 2,4% a conferma della scarsapresenza delle istituzioni di sostegno .

Di questi 300 mila bambini , il 16% (compreso nella fasciadi eta’ della scuola media inferiore e quindi su un campionedi 40 mila ragazzini ) e’ ripetente con prospettivepressoche’ certe di abbandono scolastico dopo la fasedell’obbligo”.

”Sono 45 mila i bambini prepuberi , quindi di eta’inferiore ai dodici anni, soggetti a molestie, violenze oabuso sessuale diretto o virtuale ( internet)”.

”Un bambino su dieci nella popolazione generale -continua l’analisi di Peter Pan – non riceve , nell’eta’ dimaturazione dello sviluppo corporeo, alcuna curaodontoiatrica e di prevenzione o di profilassi”.

Inquietante anche il dato della dipendenza informatica :”Nella fascia di eta’ 12-14 anni , i bambini passanomediamente 3 ore al giorno sul pc , essenzialmente perrapporti dialogici virtuali sui social network”. Per PeterPan sono necessarie diverse riforme legislative ”a partiredal diritto di famiglia , la cui introduzione sancirebbe unadeguamento ai parametri di indirizzo della comunita’europea”. Importante sarebbe ” nel raccordo legislativo iltrasferimento di alcune competenze di intervento sinergico aiComuni nell’ambito di un inserimento di figure istituzionali,quali lo psicologo , negli istituti scolastici ”.

”Il quoziente familiare”, poi, ”porterebbe al recuperodel fiscal drag per almeno 500 mila famiglie ‘povere’ -osserva Mario Campanella – con una restituzione di 300 euromensili per nucleo, capaci di portare un sollievo nonindifferente”.

E’ dunque necessario, avverte, ”che tutti i leaderpolitici , da Bersani a Berlusconi, da Monti a Casini, daFini a Vendola, da Grillo a Ingroia , pongano la questionedella tutela dell’infanzia , della lotta alla pedopornografiae alle dipendenze informatiche nei loro programmielettorali”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su