Header Top
Logo
Mercoledì 26 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Pedofilia: Peter Pan, a Napoli e Roma allarme bambini invisibili

colonna Sinistra
Mercoledì 2 gennaio 2013 - 10:27

Pedofilia: Peter Pan, a Napoli e Roma allarme bambini invisibili

(ASCA) – Cosenza, 2 gen – ”Siamo stati gia’ contattati dalladott.sa Patrizia Perina, del Comune di Napoli, che ha svoltoun ruolo decisivo nella prima operazione contro i pedofilinella metropolitana partenopea, e contiamo di poter fare lostesso con il comune di Roma: c’e’ un’emergenza di bambiniinvisibili in queste due citta’ vittime, per pochi euro,della bramosia di persone che per noi sono criminali”. Loafferma il giornalista Mario Campanella, presidente di PeterPan, l’associazione contro la pedopornografia, che hadenunciato la presenza di ”mille bambini di origine slavaper le strade delle due piu’ grandi citta italiane, che siprostituiscono per 10-15 euro. Si tratta di bambini in granparte non censiti – aggiunge Campanella – perche’ figli diimmigrati irregolari, anche se una parte di essi e’ rumena equindi di fatto appartenente alla comunita’ europea”.

”Gli sfruttatori che agiscono dietro questo mercato nericavano profitti per oltre 10 milioni di euro l’anno ,nell’indifferenza generalizzata delle istituzioni centrali.

Stiamo aspettando dalla classe politica nazionale un cenno -aggiunge il presidente – una dichiarazione d’intenti cheadotti la Carta di Treviso come documento vincolante per lepolitiche di prevenzione”. ”La legislatura conclusa ha visto l’approvazione dellaConvenzione di Lanzarote e l’istituzione del Garante perl’Infanzia – prosegue Campanella – due fatti estremamentepositivi, ma la spesa complessiva nel nostro Paese per laprevenzione e per l’assistenza alle vittime e’incredibilmente bassa e non supera le seicentomila euroannue. Una somma irrisoria se si pensa che sono all’incirca70 mila i bambini vittime della pedofilia e se si pensa che,nonostante l’evidenza legislativa che non pone nellafattispecie nemmeno limiti di reddito, ci sono problemi ancheper l’accesso al gratuito patrocinio nelle sedi giudiziarie.

Sembra che questi bambini – conclude Mario Campanella – noninteressino a nessuno”.

red/dab/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su