giovedì 23 febbraio | 02:50
pubblicato il 09/mar/2012 14:48

20 chili di cocaina nella statua di Buddha: sequestro a Fiumicino

Arrestati due corrieri sudafricani nello scalo romano

20 chili di cocaina nella statua di Buddha: sequestro a Fiumicino

Roma (askanews) - Anche una statua di Buddha può diventare un nascondiglio per importare illecitamente in Italia della droga. La fantasia delle organizzazioni criminali per superare i controlli non conosce limiti. Due cittadini sudafricani provenienti da Buenos Aires sono stati fermati dalla Guardia di Finanza all'aeroporto di Fiumicino: avevano nascosto 20 chili di cocaina purissima nei posti più impensabili. Nel corso dell'ispezione, i due corrieri hanno dichiarato che la statuetta era destinata ad un loro amico di fede buddista, mentre gli oggetti in legno erano souvenir daregalare ai familiari. Le pulegge, invece, sarebbero servite per la riparazione di un macchinario, ma l'inganno è stato subito scoperto e tutti gli oggetti erano imbottiti di cocaina. La droga avrebbe fruttato all'organizzazione criminale oltre cinque milioni di euro. I due sono stati arrestati.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech