sabato 21 gennaio | 19:00
pubblicato il 02/nov/2013 11:07

2 novembre: Coldiretti, 8 italiani su 10 in visita ai cimiteri

2 novembre: Coldiretti, 8 italiani su 10 in visita ai cimiteri

(ASCA) - Roma, 2 nov - In tempo di crisi gli italiani rinunciano a tante cose, ma al culto dei defunti no, con piu' di otto italiani su dieci (82%) in visita ai cimiteri per rendere omaggio ai propri cari in occasione delle festivita' di Ognissanti e del 2 novembre. E' quanto emerge da un sondaggio on line condotto dal sito www.coldiretti.it che conferma il legame con una ricorrenza che resta tra le piu' radicate della tradizione nazionale. ''Si stima che - sottolinea la Coldiretti - quasi settecentomila italiani 'in vacanza' durante il ponte di ognissanti si sono in realta' diretti verso il Paese di origine per ricordare i propri cari. Quasi la meta' degli italiani in visita ai cimiteri (47 per cento) porteranno con se fiori per una spesa stimata in 400 milioni, di questi quasi i due terzi li acquista dal proprio fioraio di fiducia mentre gli altri sul posto. Una inversione di tendenza rispetto allo scorso anno motivata dal fatto di poter risparmiare qualcosa acquistando da un rivenditore che si conosce e che e' meno disposto a speculare nella circostanza''. ''La spesa per la ricorrenza dei defunti quest'anno ha superato quella di San Valentino, anche se si registra in entrambi casi una flessione nel numero di acquirenti. Anche per questo i prezzi sono pressoche' stabili e si segnala peraltro una grande variabilita' - rileva la Coldiretti - a seconda del momento e dei luoghi. Il crisantemo e' il dono preferito in questa occasione come steli recisi e in vaso donati nelle diverse forme (pon pon, a dalia, a fiore grande, ad anemone, a margherita e spider) con uno o piu' fiori per stelo e - sottolinea la Coldiretti - nei diversi colori (giallo, bianco, fucsia). Per questo e' opportuno, nonostante il tipo di ricorrenza, non fare acquisti di impulso, ma verificare e mettere a confronto i diversi prezzi sul mercato. I prezzi di vendita per i fiori recisi - riferisce la Coldiretti - variano da 1,5 euro a 8 euro per quelli piu' grandi e possono arrivare ai 15 euro se si tratta di crisantemi in vaso o di mazzi con piu' fiori. Il 'fiore d'oro', dal greco chryso's (oro) e a'nthemon (fiore), era gia' coltivato in Cina cinque secoli prima di Cristo, mentre in Europa si diffuse alla fine del 1700 in Francia, in Italia e in Inghilterra. E se nel nostro Paese il crisantemo ricorda soprattutto il giorno dei defunti, in Giappone - conclude la Coldiretti - e' fiore nazionale, emblema araldico della famiglia imperiale e principale ornamento floreale utilizzato per la celebrazione delle nozze, mentre in molti Paesi e' il simbolo di vita, forza d'animo e pace''. com-brm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4