domenica 04 dicembre | 00:56
pubblicato il 09/set/2011 13:59

11/9 - Lo storico David Rieff: "E' tempo di dimenticare"

"Solo così si potrà avvicinare l'arrivo della pace"

11/9 - Lo storico David Rieff: "E' tempo di dimenticare"

Nei giorni delle celebrazioni per il decimo anniversario degli attentati dell'11 settembre, mentre tutto il mondo ricorda le vittime, dagli Stati Uniti si alza una voce destinata a suscitare quantomeno delle polemiche, ma anche a proporre un nuovo punto di vista su quel terribile giorno di 10 anni fa. Con un lungo intervento su Harper's, infatti, lo storico David Rieff lancia un invito agli americani: è arrivato il momento di dimenticare."La cruda realtà - scrive Rieff - è che sul lunghissimo periodo niente sarà ricordato: è una verità difficile da accettare, eppure va riconosciuta". Partendo da questa considerazione, e dalla sensazione che, ancora nelle parole dello storico americano, "commemorare non significa solo portare il lutto, ma alimentare una idea di giustizia o di vendetta anche quando è arrivato il momento di sotterrare l'ascia di guerra", Rieff invoca un nuovo approccio alla questione. "Faremmo bene a considerare - scrive - la possibilità che, se le nostre società dovessero investire nel dimenticare anche solo una frazione dell'energia che spendiamo attualmente per ricordare, allora la pace, che tanto un giorno dovrà venire, potrebbe arrivare un po' prima".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari