lunedì 27 febbraio | 00:51
pubblicato il 17/ott/2011 07:29

'Ndrangheta/Maxi sequestro nella capitale ad imprenditore romano

"Era in affari con le ndrine".

'Ndrangheta/Maxi sequestro nella capitale ad imprenditore romano

Reggio Calabria, 17 ott. (askanews) - Beni per 110 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Dia di Reggio Calabria ad un imprenditore immobiliarista romano, Federico Marcaccini, rimasto coinvolto nell'operazione 'Overloading', condotta nel dicembre scorso contro un'organizzazione di trafficanti internazionali di droga legati alla 'ndrangheta. Il sequestro e' stato disposto dal tribunale di Roma su proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale del direttore della Dia Alfonso D'Alfonso, su segnalazione del centro operativo Dia calabrese. L'operazione e' stata effettuata con la collaborazione del Centro operativo Dia di Roma, ed ha consentito il sequestro del patrimonio riconducibile a Marcaccini, stimato in circa 110 milioni di euro, tra cui figurano un immobile sede di un importante teatro romano, due alberghi in Sicilia e nella regione Lazio nonche' numerose aziende situata in gran parte a Roma.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech