sabato 03 dicembre | 04:05
pubblicato il 21/gen/2013 16:54

'Ndrangheta: Pecorella, in Lombardia ha consenso e dunque voti (1 upd)

+++''E' uno Stato nello Stato''+++.

(ASCA) - Milano, 21 gen - In Lombardia, regione piu' produttiva e piu' ricca d'Italia, ''la 'ndrangheta e' un soggetto che raccoglie intorno a se' consenso sociale, con la conseguenza che, avendo consenso sociale, ha i voti, e da questo ne deriva che vi siano rendiconti a livello politico''. Lo ha evidenziato Gaetano Pecorella, presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle attivita' illecite commesse al ciclo di smaltimento di rifiuti presentando a Milano la relazione sulla Lombardia. Secondo Pecorella in Lombardia si registra ''un numero molto elevato di 'locali' micro organizzazioni legate alla 'ndrangheta calabrese. Si parla di numeri molto elevati e credo che sia uno Stato nello Stato''. Al punto che ''il controllo sociale del territorio garantisce alla 'ndrangheta quel tanto di consenso che puo' interessare qualche politico a livello locale. I colori c'entrano poco - ha detto ancora Pecorella - contano i rapporti che possono esistere sul territorio e la volonta' di ottenere risultati. Non c'e' un partito particolarmente collegato''.

La parte della relazione dedicata alla Lombardia mette in luce come le cosche della 'ndrangheta operino in un regime i monopolio nel comparto del movimento terra. Il che comporta una diretta conseguenza: il controllo del traffico dei rifiuti pericolosi e non pericolosi, che le organizzazioni criminali gestiscono in modo arbitrario e in violazione di ogni regola o criterio di corretto smaltimento. La relazione presentata oggi a Palazzo Marino punta l'accento sull'esistenza, in Lombardia, di un vero e proprio esercito di 'padroncini calabresi', tutti collusi e sempre disponibili. Soggetti che per un verso costituiscono un serbatoio pressoche' inesauribile, cui attingere a piene mani per il controllo dell'intero settore e, per altro verso, forniscono alla 'ndrangheta un altrettanto notevole serbatoio di voti da far valere al momento opportuno nei rapporti con la classe politica. In tale contesto, il passaggio della 'ndrangheta dal settore economico a quello politico diventa molto breve e del tutto automatico, anche per effetto dei consensi elettorali che la 'ndrangheta e' in grado di ottenere. E questo spiega i rapporti tra i mafiosi e alcuni referenti politici a livello regionale, come e' emerso in numerose inchieste giudiziarie.

fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari