domenica 22 gennaio | 21:37
pubblicato il 04/giu/2013 12:00

'Ndrangheta/ Le mani delle cosche su appalti e eolico, 35 arresti

Blitz dela polizia a Crotone, sgominata una nuova 'federazione'

'Ndrangheta/ Le mani delle cosche su appalti e eolico, 35 arresti

Roma, 4 giu. (askanews) - Con l'operazione 'Old Family', in esecuzione del provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Catanzaro la polizia sta eseguendo dalle prime ore di oggi 35 arresti a carico di persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, estorsioni, detenzione di armi comuni da sparo e traffico di stupefacenti. L'operazione - condotta dalla squadra mobile di Crotone e dal Servizio centrale operativo (Sco) e coordinata dalla Procura Antimafia di Catanzaro, ha visto l'impiego di 250 uomini, con l'ausilio di altre squadre mobili, dei Reparti prevenzione crimine Calabria settentrionale e meridionale, unità cinofile e un elicottero del Reparto Volo di Reggio Calabria - ha di fatto disarticolato la nuova compagine di 'ndrangheta operante a Crotone, composta da un nuovo gruppo federato tra le cosche Vrenna-Ciampà-Bonaventura e Megna di Crotone, nonché i Farao Marincola di Cirò e i Grande Aracri di Cutro, con collegamenti con la cosca dei Morabito di Reggio Calabria. I proventi delle attività illecite confluivano in una 'cassa comune' che veniva suddivisa in cinque parti tra i vari componenti il sodalizio. La nuova compagine di 'ndrangheta di fatto aveva il controllo degli appalti pubblici e dei subappalti per i lavori di messa in sicurezza della SS 106, mostrando interesse anche nella gestione delle attività legate all'energia eolica e alla bonifica dell'area industriale dell'ex Pertusola sud. L'indagine ha inoltre svelato il capillare controllo che la cosca aveva sull'attività del trasporto dei componenti delle pale eoliche (scaricati e stoccati in una zona del porto di Crotone) e ricostruito numerose estorsioni organizzate ai danni di operatori commerciali di Crotone, con l'utilizzo dei tipici atti intimidatori (ritrovamento di bottiglie con benzina e cartucce, incendi e danneggiamenti mediante colpi d'arma da fuoco).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4