martedì 24 gennaio | 06:00
pubblicato il 12/feb/2014 09:38

'Ndrangheta: Gratteri, sistemi penali e detentivi piu' severi

(ASCA) - Roma, 12 feb 2014 - ''E' nella natura delle cose il fatto che gli investigatori, le forze dell'ordine e la magistratura inseguino sempre chi commette reati. I mafiosi si evolvono e sono sempre piu' veloci di noi. Di grande aiuto sarebbero per noi alcune cose: una maggiore informatizzazione delle procedure, un sistema penale piu' severo, tale da non rendere conveniente delinquere, un sistema detentivo piu' severo''. Lo spiega Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e coordinatore dell'operazione ''New Bridge'' a ''Prima di tutto''. In sostanza, ''modifiche tali da scoraggiare i mafiosi a delinquere. D'altronde e' una legge di mercato - ha concluso Gratteri- se si delinque ancora cos' tanto, vuol dire che il contrasto degli Stati non e' proporzionale alla realta' criminale''. rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4