giovedì 23 febbraio | 03:53
pubblicato il 12/feb/2014 09:38

'Ndrangheta: Gratteri, sistemi penali e detentivi piu' severi

(ASCA) - Roma, 12 feb 2014 - ''E' nella natura delle cose il fatto che gli investigatori, le forze dell'ordine e la magistratura inseguino sempre chi commette reati. I mafiosi si evolvono e sono sempre piu' veloci di noi. Di grande aiuto sarebbero per noi alcune cose: una maggiore informatizzazione delle procedure, un sistema penale piu' severo, tale da non rendere conveniente delinquere, un sistema detentivo piu' severo''. Lo spiega Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e coordinatore dell'operazione ''New Bridge'' a ''Prima di tutto''. In sostanza, ''modifiche tali da scoraggiare i mafiosi a delinquere. D'altronde e' una legge di mercato - ha concluso Gratteri- se si delinque ancora cos' tanto, vuol dire che il contrasto degli Stati non e' proporzionale alla realta' criminale''. rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech