sabato 03 dicembre | 16:36
pubblicato il 25/feb/2011 08:55

'Ndrangheta, fermato presunto armiere del clan Lo Giudice

Imprenditore avrebbe trasportato e nascosto armi e esplosivi

'Ndrangheta, fermato presunto armiere del clan Lo Giudice

Avrebbe trasportato e nascosto armi ed esplosivi della cosca Lo Giudice: con queste accuse la polizia di Reggio Calabria ha eseguito il fermo, disposto dalla Dda, di Demetrio Giuseppe Gangemi, detto Mimmo, 52 anni, titolare di una ditta che produce infissi nella zona di San Gregorio. A chiamarlo in causa è stato il boss Antonino Lo Giudice, che da qualche mese collabora con la giustizia e si è autoaccusato degli attentati esplosivi alla procura Generale il 3 gennaio dello scorso anno e davanti casa del procuratore generale Salvatore Di Landro, nell'agosto successivo. Lo Giudice e un altro pentito della cosca, Consolato Villani, parlano di Gangemi come un imprenditore di riferimento dei Lo Giudice, al quale venivano affidate le armi, anche da guerra, e l'esplosivo per gli attentati ordinati dalla cosca. A riscontro di queste rivelazioni, i poliziotti hanno trovato in un garage di Gangemi numerose armi, tra cui una mitraglietta e diverse pistole con cartucce.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari