mercoledì 18 gennaio | 03:04
pubblicato il 01/dic/2011 19:14

'Ndrangheta, don Ciotti: forza delle mafie non è dentro ma fuori

Fondatore di Libera chiude corso per utilizzo beni confiscati

'Ndrangheta, don Ciotti: forza delle mafie non è dentro ma fuori

Cosenza (askanews) - Non basta una scuola per sconfiggere le mafie, è necessario il lavoro concreto e quotidiano: lo dice don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Invitato alla chiusura del corso "A scuola di antimafia - Il riutilizzo sociale dei beni confiscati", organizzato dall'Università della Calabria, don Ciotti fa un riferimento ai fatti di cronaca e alle collusioni della criminalità organizzata con politica e magistratura.La lotta alle mafie parte da lavoro, politiche per la famiglia e cultura: quindi studiare è importante per contrastare la continua rigenerazione della criminalità.Tra i progetti realizzati il riutilizzo dello storico "Cafè de Paris" di Roma, confiscato alla 'ndrangheta, che ospiterà i prodotti coltivati da Libera sulle altre terre confiscate.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa