sabato 03 dicembre | 02:03
pubblicato il 01/dic/2011 19:14

'Ndrangheta, don Ciotti: forza delle mafie non è dentro ma fuori

Fondatore di Libera chiude corso per utilizzo beni confiscati

'Ndrangheta, don Ciotti: forza delle mafie non è dentro ma fuori

Cosenza (askanews) - Non basta una scuola per sconfiggere le mafie, è necessario il lavoro concreto e quotidiano: lo dice don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Invitato alla chiusura del corso "A scuola di antimafia - Il riutilizzo sociale dei beni confiscati", organizzato dall'Università della Calabria, don Ciotti fa un riferimento ai fatti di cronaca e alle collusioni della criminalità organizzata con politica e magistratura.La lotta alle mafie parte da lavoro, politiche per la famiglia e cultura: quindi studiare è importante per contrastare la continua rigenerazione della criminalità.Tra i progetti realizzati il riutilizzo dello storico "Cafè de Paris" di Roma, confiscato alla 'ndrangheta, che ospiterà i prodotti coltivati da Libera sulle altre terre confiscate.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari