giovedì 23 febbraio | 00:37
pubblicato il 30/mag/2013 10:15

'Ndrangheta: confiscato patrimonio a 4 imprenditori nel Ponente ligure

'Ndrangheta: confiscato patrimonio a 4 imprenditori nel Ponente ligure

(ASCA) - Genova, 30 mag - C'e' anche un noto night club di Sanremo tra il patrimonio dal valore di 9 milioni di euro confiscato dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) di Genova ai quattro fratelli Pellegrino, noti pregiudicati ed imprenditori operanti nel settore del movimento terra, ritenuti contigui alla 'ndrangheta ed in particolare con la cosca ''Santaiti-Gioffre''.

Come disposto dalla Sezione per le Misure di prevenzione del Tribunale di Imperia - riferisce una nota- ai quattro e' stata inoltre applicata la sorveglianza speciale di Pubblica sicurezza per la durata di cinque anni, con obbligo di soggiorno.

Dall'attivita' investigativa, svolta per oltre un anno dal Centro Operativo di Genova e' emerso che i quattro, gia' noti alle forze di polizia territoriali per i loro curricula criminali di tutto rispetto fossero inseriti nel contesto criminale operante nel Ponente ligure. In particolare, e' risultato che per conto di soggetti facenti capo alla cosca di 'ndrangheta ''Santaiti-Gioffre''' di Seminara (Rc), i fratelli Pellegrino - oltre ad intessere direttamente affari illeciti - hanno rappresentato un solido riferimento logistico, attraverso l'assistenza a latitanti per reati di mafia. In tale quadro la Dia evidenzia come i legami familiari che Pellegrino hanno con soggetti indagati nell'indagine ''Maglio 3'' - ed esattamente Pepe' Benito e Barilaro Francesco - testimonino ulteriormente il loro inserimento nel contesto mafioso dell'imperiese.

Oltre a cio', i quattro - sempre per conseguire i loro scopi illeciti, finalizzati all'ingente arricchimento - non hanno esitato a creare ed utilizzare un articolato sistema di interposizione fittizia dei beni e dei proventi accumulati, attraverso soggetti facenti comunque parte del nucleo familiare, nonche' societa' poste apertamente in liquidazione.

Per tutto questo, il presidente della Sez. Misure di Prevenzione del Tribunale di Imperia, concordando con la richiesta avanzata dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, ha disposto la confisca di: beni immobili (17 unita', fra cui i ville, terreni e appartamenti di lusso, serre floricole); beni mobili (25 fra autovetture ed autocarri aziendali); disponibilita' bancarie, postali e titoli di credito, quote e proprieta' di 4 societa', tra cui la ''F.lli Pellegrino s.r.l.'' e la ''Grotta del drago'', rispettivamente la prima in grado di aggiudicarsi appalti e subappalti, anche nei lavori pubblici, e la seconda di gestire il famoso ed omonimo night club di Sanremo.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech