mercoledì 22 febbraio | 11:55
pubblicato il 15/dic/2011 07:25

'Ndrangheta/ 18 fermi, sequestri e perquisizioni nel catanzarese

Operazione congiunta di Carabinieri e Guardia di Finanza

'Ndrangheta/ 18 fermi, sequestri e perquisizioni nel catanzarese

Catanaro, 15 dic. (askanews) - I carabinieri del comando provinciale di Catanzaro hanno fermato 18 persone presunti affiliati alla cosca Sia-Procopio-Tripodi egemone nella zona del soveratese in provincia di Catanzaro. I fermi sono stati vergati dalla procura distrettuale antimafia di Catanzaro diretta da Antonio Vincenzo Lombardo. L'accusa a vario titolo per tutti è di: associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio, sequestro di persona, estorsione, rapina e ricettazione. Le indagini che hanno portato ai fermi di oggi, e' partita nel dicembre del 2009 dalla scomparsa di Giuseppe Todaro, presunto affiliato alla cosca Gallace-Novella, rivale di quella dei Sia-Procopio-Tripodi. à Todaro, secondo quanto e' emerso dalle indagini, sarebbe stato ucciso per una vendetta mafiosa ed il suo cadavere fatto sparire. à Indagando su quell'episodio i carabinieri sono riusciti a delineare compiti e ruolo degli indagati nell'ambito del ''locale'' di 'ndrangheta attivo sin dal 2002 nella fascia jonica catanzarese, ed in particolare a Soverato, Davoli, San Sostene, Montepaone e Montauro zone marine della costiera catanzarese. Nel corso della stessa operazione i finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, hanno sequestrato àbeni mobili ed immobili per un valore di 30 milioni di euro. Dalle indagini, svolte dai finanzieri del Gico di Catanzaro in collaborazione con lo Scico di Roma, e' stato possibile ricostruire gli interessi economici della cosca che, ricorrendo ad articolati schemi societari ed a fittizie intestazioni di beni, era riuscita ad inserirsi in importanti iniziative imprenditoriali e commerciali apparentemente legali. Nell'ambito di questa specifica attivita' investigativa la Guardia di finanza ha denunciato alla Dda di Catanzaro 14 persone con l'accusa di intestazione fittizia di beni aggravata dalle modalita' mafiose.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Papa
Papa: l'integrazione non è né assimilazione né incorporazione
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%