sabato 21 gennaio | 10:06
pubblicato il 30/nov/2016 10:58

Referendum, italiani orientati ad andare a votare anziché a sciare

Emerge da un'analisi congiunta di Casevacanza.it e Agriturismo.it

Referendum, italiani orientati ad andare a votare anziché a sciare

Roma, 30 nov. (askanews) - Nel prossimo fine settimana gli italiani non sembrano intenzionati a partire per andare a sciare, preferendo il seggio alle prime giornate della stagione sciistica. E' quanto emerge da un'analisi congiunta dei portali Casevacanza.it e Agriturismo.it sulle prenotazioni per il mese di dicembre.

Secondo la ricerca, né nel fine settimana del voto né in quello dell'Immacolata gli italiani approfitteranno delle scuole chiuse per partire. Chi si aspettava uno scarso interesse nei confronti della prossima consultazione elettorale è quindi smentito dai numeri, che sembrano far prevalere il senso civico.

Soltanto il 9,8% di chi partirà a dicembre - si legge nello studio - lo farà nel weekend del referendum o in quello dell'Immacolata. Eppure quest'anno sarebbero bastati solo pochi giorni di ferie da unire alle festività per potersi concedere una vacanza piuttosto lunga - soprattutto nel caso di Milano, che può contare anche sulle celebrazioni per il patrono Sant'Ambrogio. Scuole chiuse e congiunture di calendario particolarmente favorevoli non sono bastate a convincere gli italiani ad allontanarsi e il 62% di chi parte a dicembre ha preferito prenotare per il periodo di Capodanno, che si conferma il momento di altissima stagione per eccellenza.

Chi partirà nei primi due fine settimana di dicembre, ad ogni modo, ha optato per un soggiorno di durata media molto breve: 2,5 giorni che si trascorreranno soprattutto nelle città del Nord Italia, che ospitano i mercatini di Natale, o nelle sempre ambite città d'arte. Per quanto riguarda gli agriturismi le località più prenotate, secondo l'analisi, sono Merano (BZ), Vigolo Vattaro (TN), Renon (BZ) e Monguelfo (BZ), tutte in Trentino Alto Adige; chi alloggerà in casa vacanza ha scelto in primis Livigno (SO), Torino, Roccaraso (AQ) e Firenze.

"Nel 2015 avevamo osservato una distribuzione uniforme delle prenotazioni per le festività del mese di dicembre - ha dichiarato Francesco Lorenzani, Amministratore Delegato di Feries - mentre quest'anno abbiamo rilevato maggiore polarizzazione delle preferenze verso il Capodanno. Le chiavi di lettura di questo fenomeno possono essere due: una è quella relativa alla volontà degli italiani di esprimersi nella consultazione elettorale, evidentemente molto sentita; dall'altro lato sia il giorno di Natale che il primo dell'anno cadono di domenica e, dato che serviranno più giorni di ferie del solito per una vacanza lunga, saranno in molti a concentrarli su Capodanno, una delle feste che si trascorre più volentieri fuori casa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Agroalimentare
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Golf
Pga tour, nel Careerbuilder challenge Francesco Molinari 34mo
Infrastrutture
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4
Spazio
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4