domenica 26 febbraio | 21:06
pubblicato il 30/nov/2016 13:32

Asst Monza, è possibile curare a casa linfomi aggressivi

Reinserimento in famiglia riduce effetti negativi ospedalizzazione

Asst Monza, è possibile curare a casa linfomi aggressivi

Roma, 30 nov. (askanews) - Curare linfomi aggressivi a casa, con la possibilita di fare infusioni di chemioterapia in maniera continuativa, senza essere ricoverarti. Per l'azienda socio sanitaria territoriale Asst di Monza questo oggi e possibile.

"Inizialmente i pazienti venivano ricoverati per una settimana ogni 21 giorni per sei cicli - spiega Pietro Pioltelli, direttore dell'Unità di Ematologia dell'ospedale San Gerardo di Monza - con evidenti difficoltà psicologiche per il paziente legate ai continui accessi in ospedale e logistiche per i medici, talvolta impossibilitati a causa dell'assenza di posto letto a garantire i tempi del riciclo e il conseguente mantenimento dell'intensità di dose, principale parametro che correla con l'esito del trattamento".

In Italia il principale problema per questo tipo di infusione era rappresentato dal timore dei farmacisti di mischiare quattro farmaci chemioterapici in un'unica sacca. "I colleghi americani - prosegue Pioltelli - ci hanno inviato i lavori che dimostravano la stabilità dei farmaci in questa formulazione. Abbiamo quindi preso contatti con un'azienda che ci ha fornito pompe infusionali e kit di trasporto (marsupio o zainetto) in comodato d'uso".

"Un passo avanti nella cura dei linfomi - sottolinea Matteo Stocco, direttore generale della Asst di Monza - con risultati incoraggianti e un passo avanti verso una medicina più umana, più capace di integrare clinica e vita, più rispettosa delle persone, con rapporti meno asimmetrici e più soddisfacenti. Per questo motivi la nostra decisione di curare il paziente a casa. Il reinserimento nell'ambito familiare e sociale riduce gli effetti negativi della ospedalizzazione, quindi i disagi di ordine psicologico, economico e sociale per il paziente e per la sua famiglia e l'individuo e la comunità diventano attori del processo di salute".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Golf
Pga Tour, nell'Honda classic Francesco Molinari tra i top ten
Golf
Montali: "Il progetto Ryder abbraccerà un arco di ben 11 anni"
Golf
Eurotour, Darren Fichardt in extremis, 16esimo Francesco Laporta
Golf
Pga Tour, nell'Honda Classic Francesco Molinari tra i top ten
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech