martedì 21 febbraio | 20:12
pubblicato il 19/ott/2016 16:23

La pasta vince sul web: è in ascesa tra food trends del 2016

Ed è di nuovo tra i 5 food trends anche negli Usa

La pasta vince sul web: è tra in ascesa tra food trends del 2016

Roma, 19 ott. (askanews) - La pasta vince sulle tavole degli italiani, che ne consumano 24 chilogrammi pro capite all'anno, ma anche nel mondo, visto che un pacco su 4 di pasta consumata è italiano. Ma non solo, la pasta vince anche sul mercato virtuale, visto che è tra i food trends di Google del 2016, ed è stata più ricercata sul motore di ricerca di carne, riso, ortaggi e frutta in Italia Turchia, Giappone, Scandinavia, Polonia, Germania, Australia e Canada. Inoltre, la pasta è tra i 5 food trends (+26% rispetto alla rilevazione precedente) negli Usa, patria della carbofobia e delle diete iperproteiche. Sono alcune delle curiosità fornite da Aidepi, l'associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane, alla vigilia del World Pasta Day, che si svolgerà a Mosca il 25 ottobre prossimo.

Il ritorno della pasta negli States è quello che soddisfa di più i pastai italiani, visto che "in America - spiega Paolo Barilla, presidente Aidepi - c'è stato un periodo di guerra contro la pasta a causa delle calorie, ma in realtà si deve tenere presente la quantità di sugo che gli americani usano, che è 4 volte quella italiana, e la porzione media di pasta, che è di 200 grammi. In America c'è stato un deficit di comunicazione sul corretto utilizzo della pasta e questa è anche un po' responsabilità nostra, perché a suo tempo non abbiamo saputo comunicarlo". Attualmente negli Usa il formato di pasta che colleziona più click sono i rigatoni davanti a tortellini, linguine, penne e fusilli. Mentre le ricette più cliccate sono la pasta al ragù bolognese (stabilmente al primo posto), carbonara, pasta al sugo di pomodoro, amatriciana e primavera. A rompere il monopolio della tradizione, irrompe al secondo posto delle query la pasta alla vodka.

Rispetto a 18 anni fa, anno del primo World Pasta Day, i consumi di pasta oggi sono quasi raddoppiati e i Paesi del mondo dove se ne consuma più di 1 kg a testa sono passati da 30 a 52. Ancora una volta l'Italia si conferma paese leader per la produzione (con 3,2 milioni di tonnellate precediamo Usa, Turchia, Brasile e Russia). Siamo anche i più assidui consumatori, con 24 kg pro capite nel 2015, davanti a Tunisia (16 kg pro capite), Venezuela (12 kg) e Grecia (11,2 kg). Seguono poi i paesi in cui il consumo pro capite oscilla tra gli 8 e i 9 kg: Svizzera (9,2), USA e Argentina (8,8 kg) tallonati da Iran e Cile (8,5 kg). Con 7,8 kg pro capite, la Russia si attesta al decimo posto.

(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia